chameleonmaskNegli ultimi anni abbiamo assistito a molti progressi tecnologici che ci permettono di evitare completamente gli “orrori” dell’interazione umana. Se siamo stanchi di condividere qualunque cosa con il prossimo, non c’è da preoccuparsi: le macchine, sempre più spietate, eviteranno tutto questo. Finalmente, i ricercatori hanno perfezionato il modo di mantenere una vita sociale senza dover lasciare la propria casa. Basta un tablet – da mettere sulla faccia di una persona – e questa farà tutto al posto tuo.

Il ricercatore Jun Rekimoto ha presentato la sua nuova tecnologia ChameleonMask al MIT Tech Review EmTech proprio questa settimana. Apparentemente, ChameleonMask è stato descritto come un “Uber umano”, ma è più vicino all’essere un FaceTime portatile.

Secondo quanto si legge sul sito web, la tecnologia “usa un vero umano come sostituto per un altro utente remoto“, dando al sostituto “una maschera con uno schermo che mostra la faccia vera dell’utente e un canale audio per trasmettere la sua voce“. Presumibilmente, Rekimoto descrive l’esperienza di ChameleonMask come “sorprendentemente naturale“. Che, di fatto, sembra sorprendente.

Come funziona lo “Uber umano”

Fondamentalmente, funzionerebbe così: diciamo che un tuo amico deve traslocare, ma tu non proprio non ne vuoi sapere di sollevare e portare scatole tutto il giorno. Basta assumere qualcuno per farlo fare al posto tuo. Il risultato sarà che tu non ti sposterai da casa, ma darai parole di sostegno al tuo amico. Insomma, qualcuno con un ChameleonMask andrà al tuo posto, ovunque, in modo da poterlo rallegrare da lontano.

Non si sa esattamente come possa vedere il sostituto, dal momento che ChameleonMask sembra coprire l’intera testa. Ma, forse, ci saranno delle novità nel prossimo aggiornamento, che permetteranno a chi indossa la “maschera” anche di vedere.

L’idea alla base di ChameleonMask non è particolarmente nuova. Le tecnologie di telepresenza, di diverse qualità, sono presenti da anni. E, probabilmente, molto presto potremmo parlare con un perfetto estraneo che usa la faccia del nostro amico ad una festa.