microsoft
Microsoft potrebbe effettuare delle grosse acquisizioni nel corso dell’anno

Microsoft punterebbe ad acquisire alcune aziende eccellenti del settore videoludico. La notizia arriva da alcune fonti vicine l’azienda che indicano come l’obiettivo sia quello di ravviare il mercato console. Infatti l’azienda di Redmond vorrebbe incrementarne il numero di esclusive per Xbox.

Per farlo, nel mirino di Microsoft sembra esserci Electronic Arts. Il colosso statunitense è al momento responsabile di tantissimi titoli tripla A come Star Wars: Battlefront II, Mass Effect: Andromeda e Battlefield 1 solo per citarne alcuni. Il portafoglio giochi di EA, infatti, è veramente enorme e comprende alcuni dei titoli best seller come quelli appartenenti ai brand sportivi. Ricordiamo che infatti FIFA spopola in Europa e Madden NFL negli Stati Uniti.

Rivoluzione in arrivo per Xbox?

Se dovesse realmente avvenire, si tratterebbe dell’acquisizione più grande nel settore. Ovviamente EA continuerebbe per la propria strada, con pubblicazioni annuali multipiattaforma. Alcuni titoli invece, potrebbero diventare esclusive Microsoft con un relativo spostamento degli equilibri videoludici rispetto alla rivale PlayStation.

Leggi anche:  Microsoft Surface Laptop e Book 2: annunciate ufficialmente le varianti economiche

Tuttavia EA potrebbe non essere l’unico punto di interesse di Microsoft. Sempre le fonti interne alla società, hanno indicato un particolare apprezzamento verso PUBG Corp. La software house coreana si è fatta conoscere nel panorama internazionale grazie al titolo rivelazione PlayerUnknown’s Battlegrounds (PUBG). Dopo il debutto su PC, il titolo è approdato su console e sta raggiungendo numeri da record su Xbox.

In questo caso è facile capire l’interesse di Microsoft. La partnership è già avviata e sembra piuttosto salda. L’acquisizione quindi sarebbe molti più facile e prevedibile, vista la posta, in gioco anche se non ci sarebbe un ritorno immediato in termini di esclusive.

Un’altra valida opzione potrebbe essere quella dell’acquisizione di Valve, la società di Gabe Newell. Si tratta dell’azienda che ha fondato e controlla Steam, che potrebbe fare molta gola a Microsoft soprattutto per quanto riguarda l’infrastruttura , ma si tratta di una opzione remota.