Google ha meno di 24 ore per evitare ulteriori sanzioni antitrust dall’Unione Europea. Il suo primo rapporto sulla conformità è costato all’azienda una multa notevole. La società dovrà cessare di abusare della sua posizione dominante nel mercato della ricerca online per promuovere i propri prodotti.

Molti servizi online concorrenti sostengono che il tentativo di rendere meno efficaci i risultati di ricerca di acquisti dalla concorrenza siano ormai allo scoperto. Gli avversari del settore stanno esortando la CE a fare pressioni affinché la compagnia riceva ulteriori sanzioni.

Google è stata colpita con una multa di 2,98 miliardi di dollari, soprattutto perché gli spot pubblicitari relativi ai risultati di ricerca erano riservati per lo più alla propria comparazione prezzi. Il primo tentativo dell’azienda di rendere l’ecosistema più aperto ai concorrenti è stato mettendo all’asta tutte le pubblicità, ma le unità principali sono ancora in gran parte acquistate dalla propria divisione.

Google deve riscattarsi con la concorrenza, ci sono accuse pesanti in gioco. I controlli confermano tutto.

Il comportamento è erroneamente anticoncorrenziale. Il servizio britannico di comparazione dei prezzi è stata una delle prime società a citare in giudizio Google per pratiche antitrust nel Regno Unito. Inoltre, essa sta ancora acquistando spazi pubblicitari, ma afferma che continua a essere in grave svantaggio.

Leggi anche:  Amazon cresce più di Google e cambia per sempre il mercato

Google, dunque, non può abusare di Google Search pagando il dovuto per gli annunci durante le aste. La maggior parte degli avversari dell’azienda dovrebbe rispondere a tali affermazioni chiedendo ulteriori concessioni. Infatti, sono passati molti anni delle presunte pratiche illegali di Google. Esse hanno permesso di ottenere un enorme vantaggio rispetto ai suoi rivali e arrivare al punto in cui è troppo grande per fallire o anche solo perdere una significativa quota di mercato.

Al momento non è chiaro quanto sia probabile che l’antitrust dell’UE emetta ulteriori multe per l’azienda. Google ha già fatto appello al verdetto originale, ma ora sta affrontando la minaccia di essere multato fino al cinque per cento delle sue entrate giornaliere a partire da domani.