Ogni volta che uno smartphone top-of-the-line arriva sul mercato, molti marchi paralleli presentano le loro proposte. Quasi sempre si tratta di copie complete e arrivano persino con elementi uguali a molti di questi telefoni.

I cloni, come sono conosciuti nel settore, sono un modo come un altro per ingannare i consumatori. O, semplicemente, un modo per avere dispositivi simili a quelli che vorremmo avere, ma a un prezzo molto basso. Tra le molte marche e modelli che sono stati copiati nell’anno 2017, alcuni si sono distinti, sebbene non necessariamente in senso positivo.

Come in altre occasioni e anche in altri contesti, Antutu ha deciso di stilare l’elenco degli smartphone più copiati durante l’anno 2017. Questo dimostra l’interesse dei consumatori verso tali dispositivi che, spesso, escono prima che vengano presentati gli originali.

I dati di AnTuTu si basano sulla valutazione di 17.424.726 smartphone 2017, di cui il 2,64% erano cloni, la maggior parte provenienti da marchi cinesi.

Samsung è in cima alla lista dei marchi

Samsung è la marca più copiata. Secondo le informazioni fornite da Antutu, Samsung ha rappresentato il 36,23% delle copie totali, seguita da Apple con il 7,72% e Xiaomi con il 4,75%.

Leggi anche:  Nuovi smartphone BlackBerry con nome in codice Uni, Athena e Luna appaiono in Rete

cloni_antutuÈ curioso notare che i primi 5 marchi hanno visto clonare i propri dispositivi sono riusciti a conquistare più del 50% di questo “mercato”.

Gli smartphone sono spesso vittime della clonazione

Oltre all’elenco dei marchi più copiati, Antutu ha anche indicato quali modelli di smartphone sono stati oggetto di questa clonazione. Galaxy S7 Edge è al top nelle versioni europea e cinese e Samsung serba molti altri modelli in questa lista. Apple ha solo iPhone 7 Plus al 5° posto.

cloni_antutuPur concentrandosi principalmente su modelli creati per l’Europa, i marchi cinesi che copiano e clonano i terminali finiscono per avere la loro quota maggiore di affari nel loro paese d’origine.

L’uso di questi telefoni rappresenta un pericolo per gli utenti a vari livelli. Non vi è alcuna garanzia della loro corretta costruzione o che sia stata seguita da standard di settore. Si pone anche il problema della sicurezza dei dati, poiché non tutti i software attuali possono essere controllati e valutati.