Nexus 6P e Nexus 5X
Nexus 6P e Nexus 5X

In America, se Nexus 5X ti si rompe, Google ti regala un Moto X4 Android One Edition!

Ma prima di raccontarvi la curiosa vicenda che ha visto protagonista un utente americano, è doveroso raccontarvi cos’è Project Fi.

Beh, quando ci riferiamo a Fi entriamo in un settore complesso e ancora poco chiaro; in parole povere, con questo nuovo e interessante esperimento, Google diventa un operatore virtuale, con una propria SIM e tanti GB.

Per telefonare e navigare su Internet, Mountain View si aggancia sulla Rete di Sprint o T-Mobile – giganti con i quali ha strinto un accordo; ma Project Fi funziona anche in molti altri Paesi: possiamo dunque considerare Google come operatore “globale” a tutti gli effetti.

Ma ora torniamo a parlare di Nexus 5X. Non si può certo dire che l’ex top gamma, realizzato in collaborazione con LG, sia stato fortunato: da sempre è affetto da vari problemi di bootloop. Ciò detto, i proprietari di 5X abbonati a Project Fi, con attivo il Piano di protezione del dispositivo (che costa 5 dollari al mese), hanno avuto la sostituzione gratuita del device.

Poi, quando Google – o meglio, LG – ne ha cessato la produzione, Moutain View ha offerto solo 100 dollari di credito spendibile nel Google Store o un assegno di 53 dollari. Considerando che gli abbonati hanno sborsato ben 350 dollari per acquistare Nexus 5X, queste due opzioni non possono certo essere considerate ”generose”.

Leggi anche:  Smart Reply: SMS intelligenti per Android con Project Fi

Google offre Moto X4 Android One Edition ai possessori di Nexus 5X difettosi

Google ha capito di essersi comportata male (ma solo dopo innumerevoli lamentele), così, conscia di aver perso tantissimi clienti, offre ora agli abbonati a Project Fi la sostituzione dei Nexus 5X difettosi con un Moto X4 Android One Edition nuovo di pacca.

La vicenda è riportata in anteprima da un utente americano, il quale ha rimproverato a Google di aver offerto lui solo ”pochi spiccioli” in cambio del suo Nexus difettoso. Alla fine, dopo un’interminabile conversazione con un operatore di Big G, ha ricevuto la tanto desiderata proposta di sostituzione.

Non male, dunque; se poi consideriamo che lo smartphone di Lenovo costa ben 399 dollari sullo store di Google (America), si può affermare il bootlopp di Nexus 5X sia, in fin dei conti, un vero affare. Non trovate anche voi?

Motorola Moto X4, recensione del medio gamma dello storico brand