Android è il migliore sistema operativo di sempre, ad oggi è effettivamente il più utilizzato in tutto il globo, miliardi di utenti ogni giorno accendono ed avviano il tanto amato piccolo robottino verde.

Direttamente dal Play Store è possibile acquistare e scaricare un gran numero di applicazioni, la maggior parte sono interessanti e da consigliare, ma in alcune occasioni è meglio evitarle accuratamente. Sia chiaro, non intendiamo che tutte le app presenti sul Play Store non siano ben fatte, tuttavia ve ne sono alcune che, principalmente per rallentamenti causati allo smartphone, è meglio non installare.

Android, ecco le app che non dovete installare sullo smartphone

Le applicazioni che più rallentano il dispositivo, o allo stesso modo ne consumano eccessivamente la batteria, sono senza dubbio quelle millantano una maggiore pulizia del device. Prendiamo ad esempio Clean Master, senza mettere in dubbio la buona fede ed il compito della stessa, la sua installazione va letteralmente ad intasare la memoria interna.

Leggi anche:  Sony Xperia XA2 Ultra arriverà in Europa all'inizio di febbraio

Parallelamente, se volete uccidere la batteria, allora continuate ad utilizzare l’applicazione di Facebook. Sicuramente una delle più utili, ma allo stesso tempo in grado di consumare eccessivamente la carica.

Lo stesso discorso vale per le applicazioni torcia, ormai esiste un tool apposito in ogni smartphone Android, perchè ricorrere a software scaricati dal Play Store che casomai non funzionano nemmeno a meraviglia?.

Altra applicazione da evitare è l’antivirus, molto utile sui computer, ma praticamente inutile sui dispositivi portatili. Ricordatevi sempre di fare attenzione e seguire le nostre direttive, non avrete alcun problema.

Chiudiamo il nostro articolo con una raccomandazione, prestate sempre la massima attenzione a ciò che scaricate. Sul Play Store esistono innumerevoli applicazioni malevoli o illegali, gli sviluppatori rischiano, ma anche installarle ed usufruirne costituisce un vero e proprio reato. Fate attenzione.