Whatsapp è il punto di riferimento di ogni utente che vuole comunicare in maniera rapida e istantanea con amici e parenti; è l’applicazione più scaricata di sempre, la più utilizzata e – paradossalmente – la più discussa.

Come tale, ovviamente, WhatsApp è soggetta a tantissime truffe, delle quali vi parliamo giornalmente sul nostro sito TecnoAndroid.it. Tanto per cambiare, oggi vi parliamo della nuova truffa che vede coinvolti tutti i clienti TIM, Wind Tree Vodafone: WhatsApp a pagamento.

Ma andiamo con ordine.

WhatsApp è pericoloso? No, o meglio: dipende dall’utente. Ricordiamo infatti che l’applicazione è diventata gratuita solamente nel 2016, allorquando venne comunicata la rimozione dell’abbonamento a 99 centesimi l’anno. Una cifra irrisoria, che però – paradossalmente – scoraggiava molti utenti a rinnovare l’abbonamento.

WhatsApp: nuova truffa per clienti TIM, Wind TRE e Vodafone

Nelle ultime ore moltissimi utenti si sarebbero lamentati della ricezione di un messaggio che imporrebbe un pagamento di 0,89 centesimi di euro per poter continuare a utilizzare WhatsApp:

Leggi anche:  WhatsApp diventerà a pagamento: ecco il messaggio che sta arrivando a tutti gli utenti
WhatsApp: nuova truffa
WhatsApp: nuova truffa

In realtà si tratta di una truffa, la quale è alimentata tramite catena di Sant’Antonio. Il tutto si verificherebbe tramite un normale messaggio SMS ai clienti TIM, Wind TRE e Vodafone.

L’SMS nella fattispecie è corredato da un link piuttosto strano, che ad essere sinceri non abbiamo aperto. Siamo sicuri comunque si tratti di qualcosa di molto pericoloso, in grado di prosciugare il credito residuo o, ancor peggio, rubare tutti i dati sensibili come password e credenziali bancarie. Alcuni utenti ci segnalano l’attivazione di abbonamenti a servizi non autorizzati.

Ovviamente, noi consigliamo di ignorare assolutamente questi messaggi, ed eliminare il testo il prima possibile. Qualora l’applicazione dovesse ritornare nuovamente a pagamento, sarà l’azienda stessa ad annunciarlo con un comunicato ufficiale. Noi, ovviamente, non mancheremmo di aggiornarvi in merito.