timNegli ultimi anni la tecnologia si è evoluta talmente tanto che ha portato molti cambiamenti nella collettività mondiale, uno su tutti è sicuramente l’evoluzione dei telefonini, che nell’ultimo decennio ha cambiato volto e quindi ha portato milioni di persone ad accantonare il proprio apparecchio telefonico per acquistarne uno più moderno e tecnologico; da qui ne conviene quindi che in ogni casa ci sono telefoni cellulari vecchi e in disuso e che magari non si sa dove buttarli.

L’iniziativa presa da Tim non è da sottovalutare, ma bensì da seguire ed imitare; dal 21 ottobre 2017 in alcuni negozi Tim sarà possibile portare cellulari vecchi, rotti o non più funzionanti per far sì che vengano smaltiti nel modo corretto e la novità sta nel fatto che viene superata la formula “uno contro uno” dove era possibile smaltire un vecchio telefono acquistandone uno nuovo, all’opposto questa formula è chiamata “uno contro zero” s’intende quindi che riciclare il proprio vecchio apparecchio diventa totalmente gratuito senza l’obbligo di un nuovo acquisto. È un progetto di Tim che punta a sostenere l’ambiente insieme ad un consorzio no-profit di nome Remedia specializzato nella gestione dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE).

Tim ti aiuta a riciclare il tuo smartphone

Non è la prima volta che Tim si impegna a tutelare l’ambiente e migliorare l’efficienza energetica, perché da sempre punta a diminuire i gas e le emissioni soprattutto di CO2  nelle proprie aree di competenza. Infatti il riciclo di apparecchi elettronici, in questo caso di telefonini, è molto importante per il pianeta, ma anche perché si possono riutilizzare molti materiali, per esempio 9 grammi di rame, 250mg di argento, 9 mg di palladio, 11 grammi di ferro, 65 gr di plastica, 24 mg di oro e circa 1 gr di terre e altri elementi in quantità ridotte. Si pensi lo spreco solo nel vicino 2014, sarebbero stati generati scarti elettronici, legati alla produzione di smartphone, per 3 milioni di tonnellate. Dato poco rassicurante è poi quello del riciclo a livello mondiale, con meno del 16% di RAEE smaltiti in maniera adeguata.

Non è ancora stata data notizia fino a quando durerà questo piano, magari per sempre! Intanto Tim sta lavorando per far sì che aderiscano sempre più negozi della loro catena, in Italia per ora hanno contribuito a questo progetto circa 30 negozi, l’azienda punta come minimo ad ottenere almeno in ogni regione italiana un numero minimo di centri che adottano questa politica di riciclo per fare in modo che le persone siano più comode nello sfruttare questa grande opportunità ed evitare che i telefoni cellulari vengano buttati via nel modo sbagliato.

Quindi gente se avete uno smartphone che non usate o non più funzionante non dovete preoccuparvi! Ci ha pensato Tim, recatevi al vostro centro aderente più vicino o aspettate con pazienza che Tim ne aggiunga altri e non dovrete far altro che consegnare il telefono a costo zero per un riciclo più corretto!!!

Leggi anche:  Addio allo spamming telefonico: ecco il prefisso riconoscibile per i call center