Fuchsia
Il logo del nuovo OS di Google

Da oltre un anno Google sta testando un nuovo sistema operativo denominato Fuchsia. Del software in questione non si conosce molto se non il nome è una particolarità. Si tratta di un sistema pensato per essere facile da usare e girare praticamente su ogni device.

Google al momento non ha rilasciato alcuna dichiarazione in merito, ne sta pubblicizzando lo sviluppo. Tuttavia sta rendendo il progetto open source, quindi liberamente scaricabile da parte di tutti gli interessati. In questo modo è possibile vedere a costa sta lavorando l’azienda di Mountain View ma non è possibile capire per cosa verrà utilizzato Fuchsia OS.

Tuttavia, grazie alla documentazione ufficiale relativa allo sviluppo, è possibile notare come al momento i dispositivi pienamente supportati sono Acer Switch Alpha 12 e Intel NUC. Si tratta di device ‘target’ il che lascia intendere che siano device su cui si sta testando attivamente l’OS. Tuttavia è stato recentemente aggiunto anche il Google Pixelbook, con una dettagliata spiegazione su come avviare il portatile in developer mode ed effettuare il boot da USB.

Leggi anche:  Google Pixel 2 perde la connessione WiFi dopo le patch di febbraio

Questa scelta da parte di Big G non indica per forza che Chrome OS potrebbe essere sostituito da Fuchsia. Semplicemente l’azienda vuole testare il sistema su più modelli possibile e anche su terminali di fascia alta.Al momento le potenzialità sono ignote quindi bisognerà aspettare il Google I/O 2018 per avere, forse, maggiori notizie in merito.