Il 2017 è stato segnato dalla lunga vicenda riguardante la fatturazione mensile delle bollette telefoniche ed il nuovo anno sembra proseguire le polemiche dei consumatori, riguardanti i servizi di luce e gas.

Da quello che ci risulta, l’Autorità per l’energia ha deciso che dal 2018, precisamente dal primo gennaio, le bollette di gas subiranno un aumento del +5%, mentre le bollette della luce incrementeranno del +5,3%. Non proprio una bella notizia per tutti i clienti.

Ecco i dettagli

Nel dettaglio, rispetto all’anno precedente, i clienti subiranno complessivamente un aumento di 79 Euro, 51 Euro per il gas e 28 Euro per l’elettricità. Il motivo di questa scelta, è dovuta dal fatto che per il servizio elettrico sono stati incrementati i costi del rifornimento, della convenienza, della sicurezza e soprattutto delle materie prime. Invece, l’aumento delle bollette del gas è causato dal consumo notevole di questo servizio, durante il periodo invernale con quotazioni del gas in crescita.

Nell’aggiornamento pubblicato dall’Autorità per l’energia, si può dedurre che per una famiglia il costo medio del servizio elettrico, incluso tra il 1 aprile 2017 e il 31 marzo 2018, sarà intorno ai 535 Euro, un cambiamento del +7,5% (+37 Euro all’anno) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Considerando lo stesso periodo, ma questa volta per il gas, la spesa sarà di 1044 Euro, un cambiamento del +2,1% (+22 Euro all’anno) se confrontato con l’anno precedente.

Leggi anche:  Wind si adegua a TIM e Vodafone: in arrivo aumenti per tutti i clienti

A riguardo, non poteva mancare la risposta immediata del Codacons, con il quale afferma che <<“Si tratta di aumenti delle tariffe del tutto sproporzionati e che avranno un impatto elevatissimo sui nuclei familiari numerosi e sulle famiglie a reddito medio-basso.”>>