Sulla piattaforma di YouTube sono stati trovati commenti inappropriati a sfondo sessuale sotto video contenenti i bambini. I gestori della piattaforma hanno prontamente preso provvedimenti. Sono stati rimossi account, disattivati i commenti per circa 625.000 video e cancellati 150.000 di essi.

La dinamica si è verificata una settimana fa. Tutti i provvedimenti sono una misura preventiva adottata nei confronti di questi presunti predatori di bambini. Meglio prevenire in questi casi, è stata questa la politica adottata. Dunque, piuttosto che perder tempo a verificare la veridicità di tali supposizioni, è stato deciso di cancellare direttamente tutto ciò che ha portato allo spiacevole accaduto.

YouTube stesso è sotto accusa per i filtri di YouTube Kids, la versione del sito pensata per un pubblico più giovane, i quali non hanno individuato e abbattuto video con immagini disturbanti. Tra essi, ad esempio, Topolino che giace in una pozza di sangue, o Spider-Man che urina su Elsa, la principessa di “Frozen”.

Ancora una volta scandali e proteste per i contenuti inappropriati di YouTube.

Martedì è stata annunciata la rimozione di annunci controversi da quasi 2 milioni di video e più di 50.000 canali che hanno tentato di spacciarsi per le famiglie, pur presentando contenuti inadatti. La società ha delineato le nuove regole per rendere YouTube più sicuro. Tra esse ritroviamo gli strumenti automatici per identificare video inappropriati, oltre a raddoppiare il numero di revisori umani che controllano i contenuti.

Leggi anche:  Uomo ucciso dopo essersi intrufolato nella casa di famosi Youtuber

Non è la prima volta che YouTube affronta una situazione simile. All’inizio di quest’anno, infatti, gli inserzionisti si sono ritrovati con le loro pubblicità affiancate a contenuti estremisti e odiosi a causa della tecnologia per la pubblicità automatica di YouTube. I principali marchi, tra cui AT & T e Johnson & Johnson, hanno deciso di abbandonare la piattaforma. Ruth Porat, direttore finanziario di Google, ha dichiarato che la maggior parte degli inserzionisti successivamente hanno ripristinato la collaborazione.