Iliad Mobile Free
Iliad, il gruppo francese proprietario del marchio Free Mobile, registra una serie di domini intestati ad Iliad Mobile. Cambio di nome in programma?

Dopo i continui ritardi da parte del tanto acclamato quarto operatore – Free Mobile – il gruppo Iliad, proprietario del marchio, comincia a fare finalmente sul serio. Dal luglio 2016, infatti, l’azienda, che aveva firmato un contratto con Hutchinson e VimpelCom con l’intendo di acquisire le strutture e il know-how delle telco che le permetteranno di diventare il quarto operatore mobile in Italia, non aveva più dato notizie di sé.

Pochi giorni fa però, il sito 4fan.it ha portato alla luce dei dettagli interessanti riguardo la vicenda. Pare infatti che il gruppo Iliad abbia registrato molti domini tra cui figurano iliadmobile.it, iliad-mobile.it, iliad-italia.it, .com, eu, e moltissimi altri (che serviranno ovviamente come redirect probabilmente al main domain iliadmobile.it).

Il nome ricorrente, come appare molto lapalissiano, è Iliad Mobile, il che ci fa supporre che il nuovo operatore abbia abbandonato l’idea di entrare nel mercato con il ‘vecchio’ nome di Free Mobile in favore di quest’ultimo. Come detto, Iliad Italia, società con sede a Milano è una costola della principale Iliad S.A Free Mobile, società francese di Xavier Niel, che opera oltralpe già da molto tempo.

Leggi anche:  Tariffe mensili nascondono aumenti: Codacons accusa Tim e Vodafone

Certamente la registrazione dei domini potrebbe anche essere una mossa cautelativa della società, così come spesso avviene in ambiente business, di tutelarsi dallo scippo dei domini ufficiali da parte di terzi che pensano poi di lucrarci sopra rivendendoli alla società interessata. Questa ipotesi, seppur valida, sembra remota a causa proprio del suffisso “Mobile” che probabilmente indica un cambio totale nel marketing societario che potrebbe dunque usare il nuovo nome per pubblicizzare il nuovo operatore.

Che qualcosa bolla in pentola è ormai certo, speriamo solo che Iliad Mobile decida di fare le cose alla svelta e magari portare un po’ di scompiglio nel troppo statico panorama delle telco mobili italiane magari creando concorrenza e facendo abbassare i prezzi.