Il lancio del nuovo iPhone X ha introdotto il nuovo sistema denominato Face ID. Apple pensa che la sua fotocamera per il riconoscimento facciale e l’hardware montato sull’iPhone X siano tra i suoi più grandi successi tecnologici. Tuttavia, altri telefoni Android hanno introdotto, allo stesso tempo, nuovi hardware e software per il riconoscimento facciale e dell’iride.

Samsung, come al solito, è il leader in questo settore, avendo aggiunto questo tipo di funzionalità al Galaxy S8 e S8 Plus, insieme al più recente Note 8 ed al Note 7. Tuttavia, Apple ritiene che le funzionalità portate dal Face ID sull’iPhone X superino quelle della concorrenza. In una recente intervista con Bright.NL, Phil Schiller, senior vice president Worldwide Marketing di Apple, ha voluto ribadire questo concetto. Quando gli è stato chiesto di commentare come i produttori di smartphone, tra cui Samsung, abbiano introdotto caratteristiche simili al Face ID nei loro telefoni, Schiller ha dichiarato: “Fanno schifo”.

Per Apple il Face ID è una tecnologia imbattibile

Sempre più smartphone sono dotati di sicurezza per il riconoscimento facciale, offrendo un nuovo modo per tutti noi di proteggere e sbloccare i nostri device. Schiller ha aggiunto che il Face ID funziona sull’iPhone X in maniera completamente diversa rispetto alle tecnologie implementate sugli altri telefoni. Nel corso della presentazioni è stato affermato che il Face ID dovesse avere un funzionamento simile al Touch ID. Doveva, infatti, consentire alle persone di sbloccare rapidamente l’iPhone X, attivarne funzionalità come Apple Pay e Siri ed utilizzare tutte queste funzioni in maniera più sicura.

Leggi anche:  Intel fornitore esclusivo dei modem degli iPhone 2018: report KGI
Face ID

Schiller pensa che il Face ID sia una “implementazione davvero unica” nel panorama degli smartphone. Ovviamente, c’è da scommettere che altre aziende tenteranno di ricopiare questa tecnologia, e in qualche modo superarla. Huawei ha affermato che a breve lancerà il suo sistema di rilevamento della profondità. Questo sarà in grado di creare una mappa 3D di un volto umano con 300.000 punti di contatto, che consentirà una scansione del volto in ogni suo punto. Solo il tempo dirà se il Face ID sarà la nuova tendenza da seguire per il lancio dei prossimi smartphone.