whatsappSolo pochi anni fa, quando qualcuno voleva comunicare con il proprio partner, cercava un telefono – forse pubblico, con le monete – e chiamava direttamente il numero fisso. In molte occasioni, la persona non era in casa o non poteva rispondere e ci si doveva accontentare di riprovare. Fine della storia, non c’era molto da fare. Quelle erano le regole e non c’era altro da fare che rispettarle.

Ma sembra che le regole siano cambiate

Dal nuovo millennio e in particolare negli ultimi cinque anni, i mass media hanno drasticamente modificato il modo in cui la coppia moderna stabilisce la propria relazione. Smartphone, social network e applicazioni sempre più potenti riducono virtualmente i confini che separano il concetto di relazione e il diritto alla privacy personale.

Tuttavia, all’improvviso sembra che, a causa del fatto che i social network o le applicazioni ci permettono di essere in contatto in tempo reale e immediatamente e conoscere tutti gli aspetti della loro vita, questo ci dà il diritto di diventare una specie di cyberspioni. Lo scontrismo elettronico, quello che nasce dall’esigenza apparentemente incontrollabile che alcune persone hanno dell’essere consapevoli di quel che il loro partner fa in ogni momento della giornata e di assumerne il controllo tramite applicazioni o social network, è cresciuto in modo allarmante con risultati dannosi non solo per le persone che subiscono questo tipo di “molestie”.

La costante intrusione nei profili Facebook dei partner ha causato una costante sofferenza e insoddisfazione nei confronti della relazione. Altri studi propongono la teoria secondo l a quale Facebook stia cominciando a creare disturbi psichiatrici basati sull’ansia.

L’effetto doppio controllo

Quindi, c’è uno schema indiscutibile: la tecnologia influenza fortemente le persone a livello emotivo. Forse uno dei casi più famosi e recenti – e che tocca direttamente le relazioni di coppia – è quello della famosa applicazione di messaggistica istantanea Whatsapp. Con oltre un miliardo di utenti, è il sistema di comunicazione più utilizzato al mondo. E, a quanto pare, anche uno di quelli che più influisce sul rapporto e provoca ansia.

Leggi anche:  Whatsapp, spiare le conversazioni è illegale ma esistono dei metodi sicuri

Uno studio ha rivelato che Whatsapp ha spinto circa 28 milioni di utenti alla fine della loro relazione a causa dell’ansia – e i suoi conseguenti effetti. Ma indipendentemente dal fatto che quei 28 milioni di rotture fossero vere, è un dato di fatto che i cambiamenti emotivi nelle persone che hanno usato l’applicazione siano ulteriormente migliorati quando WhatsApp ha riferito che il sistema annunciava la ricezione di un messaggio per mezzo di un doppio controllo, ora contrassegnato con la doppia spunta blu. Se a questo si aggiungono le notifiche che avvisano “ultima connessione a…” e “online”.

Quindi, i risultati non hanno disatteso quanto era già risaputo ed è apparsa evidente quella che è stata chiamata “sindrome da doppio controllo” , che si verifica negli utenti che manifestano sintomi inequivocabili di ansia dopo che le due spunte blu appaiono e non ricevono risposta.

Questa sindrome può includere cinque tipi di sintomi:

  • I primi sono quelli psicologici come il sopraffare, il sospetto, la paura di perdere il controllo della relazione o l’insicurezza;
  • i secondi sono quelli fisici come sensazione di vuoto nello stomaco, sudorazione, tachicardia o affaticamento;
  • il comportamento, per esempio ipervigilanza, impulsività o goffaggine nell’agire;
  • sintomi cognitivi che includono difficoltà di concentrazione, preoccupazione eccessiva, interpretazioni errate e uno stato permanente di confusione;
  • infine, ci sono quelli sociali come l’irritabilità, il blocco durante la risposta o l’eccessiva paura dei conflitti.