ll business degli smartphone Samsung in India è in piena espansione nonostante un livello elevato di concorrenza. La crescita del fatturato è del 27% nell’ultimo anno fiscale terminato a marzo 2017.

Il fatturato totale dell’azienda ammonta a circa 5,3 miliardi di dollari e si prevede che continuerà a salire. Alcuni del settore restano scettici sulla capacità della Samsung di mantenere tale dinamica. Le attività dell’azienda sono cresciute anche in Asia meridionale, nello specifico del 20%, ma soprattutto con l’unità mobile che rappresenta circa il 60% delle attività locali.

Riuscirà Samsung a battere la concorrenza?

Il Galaxy Note 7 dello scorso autunno non ha portato a perdite dirette in India poiché il phablet difettoso è stato contrassegnato per un richiamo globale prima di essere commercializzato nel paese. Tuttavia, si ritiene che la mancanza di una nuova offerta di punta a fine 2016 abbia limitato le prestazioni della società. Tra l’altro, i dispositivi di fascia alta non sono i più venduti in India. Samsung ha margini di profitto molto più ampi con prodotti di fascia media e entry-level.

Mentre la società rimane uno dei produttori di apparecchiature originali in più rapida crescita in India e si stima che stia guidando il mercato, Xiaomi è estremamente vicina alle sue attuali cifre di spedizione. Essa ha ampliato gli affari del 700% l’anno scorso. A tre anni dall’ingresso sul mercato, Xiaomi è vicina a sorpassare Samsung come il più grande venditore di smartphone in India. Ciò vale sia per la spedizione sia per le vendite. Secondo gli analisti, l’anno prossimo sarà quello decisivo.

La natura competitiva del mercato indiano è il risultato dello stato generale del paese che sta vivendo un’onda di adozione di smartphone paragonabile a quella in Occidente una decina di anni fa. A causa di questa crescita, gli OEM stanno combattendo sia per decine di milioni di acquirenti di smartphone sia per consumatori che non mostrano ancora alcun segno di resa. Infatti, parzialmente sono loro i responsabili nel rendere l’India il secondo mercato mondiale di cellulari al mondo.