Non si tratta di certo di un fulmine a ciel sereno in quanto era già stato annunciato ad agosto. La conferma era arrivata insieme all’entrata in scena di ARCore e adesso si ha anche una data ufficiale. Il supporto a Tango cesserà dal 1 Marzo 2018.

Il problema e il cambio di rotta

Introdotto nel 2014 come Project Tango è stata subito considerata un applicazione pionieristica. Una soluzione mobile che basandosi su Hardware avanzati poteva costruire mesh 3D nello spazio in modo quasi simile alle funzioni del HoloLens di Microsoft.

Il problema però era propria il fatto che serviva un hardware veramente potente. Per Google la parte più difficile è stata convincere i produttori di smartphone e tablet ad inserire questa funzionalità. Un’operazione costosa che ha portato il progetto ad approdare su ben pochi dispositivi.

Con l’arrivo di ARKit di Apple su iOS11 e l’annuncio di un grande gioco, Google ha capito che non sarebbe riuscita nel proprio intento e cambiò rotta.

Leggi anche:  Android, perché il logo è un robottino? Ecco le origini, la storia e chi è il creatore

Imparato dai propri sbagli ad agosto di quest’anno Google lanciò ARCore. Una tecnologia crossover dove è presente molto di quello che era, od che sarà ancora per poco, Project Tango.

La nuova piattaforma semplifica alcuni aspetti concentrandosi sul rilevamento del piano piuttosto che nella creazioni di mesh 3D nello spazio.

Queste modifiche permettono il funzionamento anche su dispositivi come Samsung Galaxy S8 e Google Pixel, smartphone che non sono dotati di setup IR multi-camera.

Una mossa quasi obbligata anche se andrà a discapito di qualche sfortunato che ha acquistato uno smartphone dove Tango era stata pubblicizzata come caratteristica principale, come nel caso dello ZenFone AR.