OnePlus 5T

Recentemente vi abbiamo riportato come il nuovo OnePlus 5T abbia ricevuto la OxygenOS 4.7.4, apportando i necessari miglioramenti della fotocamera per il dispositivo. Ora, sembra che lo smartphone ed il suo predecessore abbiano bisogno di un altro aggiornamento per ovviare all’ennesimo problema riscontrato dagli utenti. Come affermato da un membro del forum OnePlus, sia il OnePlus 5 che il OnePlus 5T non sono disposti della certificazione di livello 1 Widevine. Questa è obbligatoria per lo streaming di contenuti protetti da DRM specifici in HD. Le app di streaming video come Netflix, Amazon Video e Google Play Movies non saranno in grado di trasmettere, dunque, video in HD su questi smartphone.

Utenti infuriati per la mancanza della certificazione Widevine livello 1

 

Dato che attualmente questi smartphone OnePlus supportano Widevine Level 3, gli utenti non possono effettuare lo streaming dei video in HD. Tuttavia, YouTube può riprodurre video in HD su OnePlus 5 e OnePlus 5T. L’unico scopo del lancio del OnePlus 5T a sei mesi di distanza dalla presentazione del 5, era quello di offrire ai consumatori uno smartphone con un display AMOLED da 6 pollici con schermo 18: 9. Con questo display, se i consumatori non possono beneficiare della visualizzazione dei video HD tramite app specifiche, risultare essere una scelta alquanto deludente.

Leggi anche:  OnePlus 5 si potrà sbloccare con il volto: ufficiale l'arrivo del Face Unlock

Riguardo allo stesso, un portavoce di OnePlus ha affermato che la società implementerà un aggiornamento futuro sul OnePlus 5T per aggiungere la certificazione mancante. Ma non ci sono informazioni su quando sarà ufficialmente rilasciato l’update. Inoltre, non vi è alcuna spiegazione sul motivo per cui il OnePlus 5 ed il 5T siano stati lanciati senza questa certificazione, considerato che sono i device di punta dell’azienda. Detto ciò, sarà necessario attendere ben due aggiornamenti per il OnePlus 5T. Il primo dovrebbe introdurre la certificazione Widevine Level 1 mentre l’altro aggiornerà lo smartphone alla beta di Android Oreo.