Le batterie possono esplodere, per questo motivo alcune compagnie aeree hanno impedito l’imbarco di determinate valigie e trolley intelligenti.

Qualche mese fa abbiamo assistito a vere e proprie esplosioni di smartphone su voli di linea. Il problema si presenta su un esemplare su un milione, ma se accade mentre un aereo è in volo, le conseguenze potrebbero essere davvero gravissime.

Batterie esplodono, compagnie aeree vietano l’imbarco

Proprio per questo motivo, alcune compagnie aeree americane hanno iniziato a vietare l’utilizzo di valigie intelligenti. I prodotti in questioni, forse ancora poco diffusi in Italia, sono estremamente utili nell’eventualità di smarrimento degli stessi. Al suo interno è stato integrato un sensore GPS, utile per la localizzazione. Per il funzionamento, tuttavia, è richiesta una batteria agli ioni di litio, ma date le esperienze precedenti, si teme che potrebbero esplodere.

L’utilizzo di tablet è già stato vietato, ora tocca anche a questi prodotti. American Airlines, Delta e Alaska Airlines hanno deciso di intraprendere la linea dura in merito. Il viaggiatore dovrà rimuovere la batteria, altrimenti la valigia non verrà imbarcata. L’eventualità di un incendio, sopratutto in stiva (praticamente irraggiungibile dalla cabina), non può essere tollerata in nessun modo.

La palla ora passa ai produttori, l’obiettivo è di riuscire a dimostrare che le batterie non sono così a rischio. Il problema è comunque più complicato del previsto.