Samsung-Galaxy-s9
Samsung-Galaxy-s9

Il produttore sud-coreano Samsung è già al lavoro per la produzione del nuovo top di gamma della serie Galaxy Note, che probabilmente verrà presentato nell’estate del 2018. Nonostante il notevole anticipo, diversi sono i rumours e gli indizi che circolano intorno al Galaxy Note 9, noto con il nome in codice di Crown, ovvero “Corona”, appellativo che potrebbe far pensare a delle novità del tutto consistenti ed esclusive per il nuovo prodotto.

Sicuramente il nuovo smartphone userà tutta l’eredità lasciata dal predecessore, l’acclamato Galaxy Note 8, per migliorare ulteriormente e fare concorrenza agli ultimi prodotti rilanciati nel mondo Apple.

Per quanto riguarda il display, molto probabilmente, in linea con il precedente prodotto, si tratterà di Infinity Display Super AMOLED QHD+ da 6,3 pollici a risoluzione 1960×1440 pixel. Tuttavia, la grande novità che potrebbe essere introdotta riguarda la possibile presenza di un lettore di impronte digitali integrato sotto al display, tecnologia del tutto innovativa e per la prima volta presente su un prodotto Samsung.

Indubbiamente sarà ancora previsto l’utilizzo della S Pen che potrebbe beneficiare di diverse migliorie che coinvolgono tanto la parte software quanto quella hardware. Si è diffusa la voce che potrebbe essere introdotta l’integrazione di un etilometro, ma, anche in questo caso, le notizie certe e affidabili sono ben poche.

Anche in questo caso ci sarà sicuramente una doppia fotocamera posteriore, con una maggiore risoluzione e altri miglioramenti rispetto agli smartphone precedenti e alcuni rumours parlano della possibilità di avere anche una doppia fotocamera anteriore.

Galaxy Note 9 simile a Galaxy S9 ma con qualche funzionalità in più

Per quanto riguarda i processori, anche in questo caso, come per il Galaxy S9/S9 Plus, ci potrebbe essere l’Exynos 9810, già vincitore di uno dei 36 CES 2018 Innovation Awards.

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 10, quando la fantasia non può aspettare

La memoria Samsung ha assistito ad un graduale processo di ampliamento nel corso degli ultimi anni: si è passati, infatti, dai 4 GB di memoria previsti il Samsung Galaxy S8, ai 6 GB per il Samsung Galaxy Note 8 e per il Samsung Galaxy S9. Si pensa, dunque, che possa esserci un ulteriore sviluppo della memoria, con un ulteriore ampliamento fino a 8 GB o addirittura 12 GB . La memoria interna potrebbe essere di 64 GB o, nel caso di upgrade, anche in questo caso ci potrebbe essere un ampliamento a 128 GB.

Dal punto di vista software, sicuramente gli sviluppi coinvolgeranno la famosa applicazione Bixby introdotta con il Galaxy S8, buon rivale di Google Assistant e Siri. Bixby, infatti, permette all’utente di interagire con il proprio smartphone, rendendo molto più agevole la ricerca di informazioni e l’utilizzo stesso del dispositivo. E’ direttamente collegato alle applicazioni Fotocamera, Galleria e Internet e consente all’utente di richiedere informazioni tramite la fotocamera o tramite riconoscimento vocale. Nel precedente dispositivo Bixby era attivabile tramite un comando vocale o tramite un apposito tasto presente sotto i comandi di volume: c’è da vedere se anche il nuovo top di gamma prevederà la presenza di un pulsante fisico dedicato oppure verterà su nuove soluzioni.

Infine, altre voci aleggiano intorno al sistema operativo che potrebbe essere Android 8.1 Oreo.

Nessuna notizia presente ancora circa i prezzi: essendo un top di gamma di fascia alta, sicuramente il prezzo si manterrà sulla stessa linea del Samsung Galaxy Note 8 e potrebbe anche essere superiore.