Il 2017 su Facebook

Facebook torna con il suo resoconto annuale. E’ ormai innegabile che tale stima sia significativa, non solo per il social network, ma per conoscere in che direzione va la sensibilità e l’attenzione del web. Ormai parte importante delle nostre vite finisce su Facebook. Il tempo che trascorriamo sulla piattaforma non è trascurabile. Le interazioni che abbiamo sulla piattaforma raccontano qualcosa sulla nostra società.

Quali sono dunque i risultati di questa stima del 2017?

A livello globale il tema più discusso e commentato è la Giornata Internazionale della Donna: si contano 165 milioni di utenti che hanno dato vita a 430 milioni di interazioni, tra commenti, condivisioni e discussioni. al secondo posto c’è il Super Bowl numero 51: la vittoria del New England è stata sulla bacheca di 64 milioni di utenti e creato 240 milioni di interazioni. Il video correlato ha raggiunto le 262 milioni di visualizzazioni.

Al terzo posto c’è la  tragedia della strage di Las Vegas in cui 3.300 persone hanno usufruito del servizio di Facebook per le emergenze.

In Italia invece l’argomento più discusso del 2017 è stata la morte del cantante dei Linkin Park, Chester Bennington. Al secondo posto, un grande lutto tutto italiano: la morte di Paolo Villaggio: tanti sono stati gli omaggi e le condivisioni, per celebrare l’attore defunto. Al terzo posto si parla di temi come la finale di Champions League tra Real Madrid e Juventus e il terremoto a Ischia.

Leggi anche:  Facebook, le critiche non si fermano e ne arrivano delle nuove da un altro ex manager

Facebook non solo social, ma sociale

Un resoconto positivo di Facebook 2017 proviene dalla funzione di Facebook “Crisis Response”, una funzione che vi sarà capitato di sentire nominare. Essa permette, ad utenti in zone in cui è avvenuto un evento doloso, di comunicare istantaneamente a tutti i contatti che si è sani e salvi.

Tale coinvolgimento permette a Facebook di essere attivo anche in casi drammatici. Si crea così una rete di solidarietà e sostegno, grazie anche alla funzione implementata ad ottobre 2017 sul Facebook europeo che permette di donare direttamente dalla piattaforma.

Quest’anno i tre eventi che hanno visto l’attivarsi della comunità di Facebook sono stati il terremoto in Messico, l’uragano Harvey e il concerto One Love Manchester in onore delle vittime dell’attacco terroristico nella città. Soprattutto per il sisma, Facebook è stato utilizzato moltissimo dalle vittime, che si sono dichiarate al sicuro. Per l’uragano Harvey sono stati raccolti oltre 20 milioni di dollari alla fine di agosto. Il video in diretta del concerto One Love Manchester è stato in assoluto la diretta più visualizzata del 2017. I suoi 80 milioni di visualizzatori, hanno permesso la raccolta di 450.000 dollari, devolute alle famiglie delle vittime.

La celebrazione dell’anno arriverà a fine dicembre per tutti gli utenti. Il team di Facebook realizzerà un video che raccoglierà le attività dei singoli durante il 2017.