smartphone con termometro

Abbiamo visto diversi smartphone particolari sul mercato. Per essere precisi, un telefono fidget spinner è stato lanciato di recente. L’anno scorso è stata la volta di uno smartphone con una telecamera termica per la visualizzazione notturna. L’elenco continua a crescere con molte nuove aggiunte ogni anno.

Smartphone e salute sempre più al centro del settore tecnologico


Secondo un rapporto di Korean Herald, un’azienda tecnologica coreana ha svelato il primo sensore al mondo di termometro micrometrico per smartphone. In questo modo, potremo vedere presto il lancio di smartphone con un termometro al loro interno che permetterà di misurare la temperatura corporea di una persona. Il rapporto afferma che questo modulo può misurare la temperatura corporea in soli 0,5 secondi tramite un’applicazione dedicata. Anche se in passato ci siamo imbattuti in molte di queste applicazioni, queste app sono finite nel dimenticatoio.

smartphone con termometro

Parlando del sensore pensato per gli smartphone, fa uso di un sistema micro elettromeccanico integrato denominato i-MEMs. Con questo modulo, è possibile misurare la temperatura degli esseri umani così come degli oggetti tra -40 e 200 gradi Celsius. Il sensore è collegato all’interno del dispositivo e raggiungibile sul retro tramite un modulo dedicato. L’intera configurazione viene eseguita in modo tale che la temperatura di lavoro dello smartphone non interferisca con le misurazioni.

Leggi anche:  Black Friday 2017: ecco le migliori offerte di MediaWorld, Unieuro ed Euronics

Samsung Galaxy S9 tecnologia di riconoscimento

 

L’elemento sorprendente è legato alla tecnologia utilizzata, in gradi di rilevare la temperatura senza contatto. Non è necessario, infatti, che gli utenti tocchino il sensore per ottenere l’effettiva temperatura. In questo modo, è possibile prevenire il rischio di infezioni. Per ora, non abbiamo una data certa riguardo l’implementazione di questa tecnologia sugli smartphone. Possiamo aspettarci che possa arrivare, in primis, sui device di fascia alta, magari sui nuovi Galaxy S9 e S9 +. Una volta che la tecnologia avrà raggiunto i modellipiù costosi, possiamo aspettarci che venga implementata anche nei medio gamma.