WhatsApp Privacy

WhatsApp nasconde tante bellissime funzioni che spesso semplificano la vita social degli utenti che la possiedono. L’applicazione più famosa al mondo infatti concede con ogni aggiornamento tante novità per implementare l’esperienza utente.

Oltre questo, non sembra però essere tutto rose e fiori, visto che molti utenti spesso si lamentano di varie vicissitudini affrontate proprio con la nota app di messaggistica. In quanto a sicurezza infatti, pur essendo perfettamente sviluppata, WhatsApp non permette di lasciarsi alle spalle grossi pericoli.

Tantissimi sono infatti i casi di persone che si vedono rubare dati personali o magari utenti che non riescono a proteggere le loro conversazioni più care.

WhatsApp: la privacy non è sempre protetta, ecco perché

Uno dei metodi più pericolosi di rubare dati personali alle persone, come dati di documenti, codici di carte di credito ecc, è sicuramente il metodo delle catene. Proprio mediante le catene,che in realtà dovrebbero essere innocue, si nasconde un gran pericolo. Purtroppo non esistono funzioni per aggirare cose del genere.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come bloccare temporaneamente un contatto nei gruppi

Spesso alcuni malintenzionati lasciano partire alcune catene contenenti dei link dove magari viene promessa in regalo una somma in denaro, o magari un pagamento di una multa insoluta. Alcuni utenti non avvezzi a tali sistemi, per non incorrere in fantomatici problemi, pagano.

Così facendo, concedono ai malfattori i loro dati di carta di credito e di documenti di riconoscimento. Tutti dati utili per riscuotere la somma o magari pagarla in caso di finta multa. Ovviamente è inutile dire che non esiste nulla di tutto ciò che possa essere veritiero.

Il nostro consiglio è sempre quello di non credere a tali baggianate, utili solo a derubarvi nel più crudele dei modi. Se venite a conoscenza di truffe del genere che minano la vostra privacy, contattate subito la polizia postale.