Nella giornata di ieri, 14 novembre, il Governo Italiano ha ufficialmente annunciato che inserirà nel Decreto Fiscale la legge contro le bollette ogni 28 giorni. La domanda che, al momento, alberga nelle menti di tutti i consumatori è se ci saranno aumenti di prezzi.

Ritorno alle bollette ogni 30 giorni: non ci saranno aumenti di prezzi

Finalmente, dopo una lunga, lunghissima battaglia, anche i consumatori hanno vinto, entro 120 giorni le aziende di telefonia e pay TV sono costrette a tornare alla fatturazione mensile. L’ultimo grande ostacolo da superare riguarda l’eventuale aumento di prezzi.

La risposta, al solito, arriva direttamente da colui che ha voluto fortemente l’inserimento dell’emendamento nel Decreto Fiscale, Silvio Lai.

“Entro 120 giorni, le aziende di telefonia e della televisione saranno costrette a tornare ad una fatturazione mensile”, afferma il suddetto, “allo stesso tempo, tuttavia, lotteremo perchè non ci siano aumenti di prezzi“. Nell’eventualità che questo accada, “il Garante vigilerà che le aziende informino in maniera corretta i consumatori, in modo da poter recedere anzitempo dal contratto”.

L’idea è molto chiara, tutte le aziende torneranno alla fatturazione mensile entro 120 giorni, nel frattempo il Governo vigilerà che non aumentino i prezzi.

Leggi anche:  TIM, Wind e Tre lottano per impedire il ritorno alla fatturazione ogni 30 giorni

Che sia la volta buona di una legge in favore dei consumatori?. Questo non lo sappiamo, non ci resta che aspettare e sperare che questo accada veramente.