Circa un mese fa all’interno del protocollo di sicurezza per le reti Wi-Fi è emersa la cosiddetta vulnerabilità KRACK. Nei giorni scorsi è stata rilasciata una nuova patch di Google, eppure in essa non è presente nessun tipo di riferimento a KRACK, a differenza di ciò che tutti gli utenti speravano.

I produttori che hanno rilasciato aggiornamenti per i dispositivi pur di porre rimedio a questa problematica sono molteplici, tra cui la nota azienda della Samsung. Nonostante questa prospettiva positiva, Google sembra non essere tra coloro che hanno preso provvedimenti per KRACK, o per lo meno non con la patch di questo mese.

Questo implica che Nexus e Pixel sono brand i cui dispositivi attualmente non sono forniti della giusta protezione.

Google ha dichiarato che la patch di sicurezza la quale risolverà le problematiche di KRACK arriverà solo il prossimo mese, dunque agli inizi di dicembre. La patch rilasciata sarà fatta appositamente per tale vulnerabilità presente ormai da un mese su vari dispositivi. Si spera che sarà una soluzione permanente.

Non si sa con certezza per quali ragioni Google non stia smuovendo i progetti della nuova patch, o per lo meno non tempestivamente come nel caso di altre aziende. Ci rassicura sapere che è comunque in fase progettuale una soluzione, anche se tardiva l’importante è che ci sarà.