Le nuove funzioni di WhatsApp sono molto importanti, e per questo motivo hanno generato innumerevoli polemiche in rete. La motivazione?. Scoprite con noi per quale motivo gli utenti si stanno lamentando.

WhatsApp, nuove polemiche relative alla privacy

WhatsApp, la nota applicazione di messaggistica istantanea, ha recentemente introdotto un gran numero di novità più o meno interessanti. Le due principali: recall e condivisione della posizione e nuovi bug hanno generato scalpore tra gli utenti.

I problemi della funzione Recall

Quali potranno essere i problemi legati alla funzione Recall?, ovvero la possibilità di cancellare i messaggi già inviati su WhatsApp. Ebbene, molti utenti non ritengono corretto la possibilità di cancellarli, sopratutto nel rispetto di coloro che si trovano dall’altra parte della chat. Come accade per gli SMS, dicono sul web, un utente non dovrebbe poter ritirare ciò che ha detto.

I problemi della condivisione della posizione

Parallelamente alla funzione Recall, WhatsApp ha introdotto la possibilità di condividere la propria posizione. In questo caso, il web si è scatenato contro la violazione della privacy. Tale funzione porta a pensare che l’azienda sfrutti ogni secondo il GPS, così facendo conoscerà sempre la vostra posizione e potrebbe vendere i dati ad altri, o in caso di un bug, far scoprire tutti i movimenti. Sempre a detta degli internauti.

Il bug che permette di scoprire quanto dormite

Uno dei più grandi problemi, e maggiormente discusso dal web, riguarda il bug tramite il quale sarebbe possibile scoprire quanto dormite e con chi chattate.

Per chi non lo ricordasse, tramite una semplice estensione di Google Chrome sarebbe possibile scoprire quanto avete dormito (combinando l’ultimo accesso a WhatsApp della sera prima ed il primo del giorno seguente), ma sopratutto con chi avete chattato. Per il nostro approfondimento cliccate qui.

Il bug svela un mondo sommerso in cui è possibile, anche per i più inesperti del mondo, scoprire moltissime informazioni sul nostro conto. Gli internauti, come tutti sappiamo, sono veramente spietati. Molti hanno iniziato a pensare che, in questo modo, si può scoprire se il partner ha l’amante. Il motivo è semplice, a meno che non lo utilizziate per lavoro, in genere solo se amate qualcuno, guardate lo smartphone appena prima di coricarvi ed appena sveglio. Dato che, si presuppone, dovreste vivere con il partner, non dovreste aver bisogno di compiere tale operazione. La conclusione è logica, avete l’amante. Questo è quanto pensa il web, naturalmente.

Voi cosa ne pensate?. Credete che il bug e le nuove funzioni possano minare la nostra privacy, o sono semplicemente illazioni?. Lasciate con un commento le vostre impressioni.