Ma DJI ha trovato una soluzione al problema della privacy: la modalità offline. Questa modalità si chiama “Local Data Mode” (Modalità Dati Locali) e il suo sviluppo era stato già annunciato ad Agosto. Il suo funzionamento consiste nel bloccare il traffico internet da e verso la app DJI Pilot.

Per attivarla, un operatore deve selezionare l’opzione “Activate LDM Mode” (Attivare Modalità Dati Locali) all’interno della app e inserire una password che servirà successivamente a disattivarla.

“Quando un operatore attiva la Modalità Dati Locali, la app smetterà di inviare o ricevere dati da internet” annuncia DJI. “Questo aggiunge un ulteriore livello di sicurezza per gli operatori di voli che coinvolgono infrastrutture critiche, progetti governativi o altre missioni sensibili”.

Pro e contro

La modalità LDM impedisce al drone di connettersi alla rete durante il volo, per cui evita la trasmissione di dati da e verso il drone tutelando così la privacy del pilota ed aumentando i livelli di cybersicurezza. In questo modo, però, i piloti non potranno più usufruire della diretta streaming di volo, perché bloccando tutti i dati internet non sarà più possibile rilevare la posizione del drone e mapparlo nello spazio. Di conseguenza, non si potrà più tracciare il perimetro virtuale delle zone in cui vige l’interdizione al volo (temporanea e non).

Leggi anche:  Droni: a Milano la Polizia Locale vuole monitorare il territorio dall'alto

Le foto e video acquisiti dal drone durante il volo saranno comunque a disposizione dell’utente perché salvati sulla SD card del drone, e potranno essere condivisi in rete in un secondo momento.

“Stiamo sviluppando la modalità dati locale per soddisfare le esigenze dei nostri clienti aziendali, incluse le organizzazioni pubbliche e private che utilizzano la tecnologia DJI per effettuare operazioni sensibili in tutto il mondo” ha affermato Brendan Schulman, Vice Presidente Politiche e Affari legali di DJI. “DJI si impegna a proteggere la privacy delle foto, dei video e dei registri di volo dei propri clienti.”.

A partire dal prossimo aggiornamento della app, disponibile per ora su CrystalSky e a breve su alcuni dispositivi Android, sarà possibile attivare la modalità dati locale (LDM Mode) e rispettare così le norme di cybersicurezza richieste dall’esercito USA.