navigazione internetDato che oggi si naviga su Internet utilizzando spessissimo gli smartphone di ultima generazione, la preoccupazione relativa al consumo del traffico per via del download dei dati è spesso compagna immancabile delle nostre sessioni di navigazione.

Ma è possibile risparmiare sul consumo di questi dati, ed in generale arrivare a spendere meno per Internet? Il primo passo è sempre quello di rivolgersi al giusto operatore di telefonia: riuscire a trovare la migliore offerta sul mercato per quanto riguarda internet mobile è la cosa fondamentale; operatori come Kena Mobile infatti mettono a disposizione delle offerte ottimizzate per le esigenze di chi usa parecchio il cellulare per navigare in rete. Detto questo, vediamo alcuni consigli per risparmiare sul consumo di traffico mobile quando si naviga.

 

  1. Forse voi non lo sapete, o semplicemente lo sapete ma non ve ne rendete poi tanto conto, ma la maggior parte dei dati di navigazione vengono inviati dalle app, alle quali avete concesso il permesso di connettersi online. Questi dati, che vengono spesso scambiati in background e dunque non visibili, tendono a consumare tantissimo traffico e dunque a pesare inutilmente sul totale di traffico settimanale o mensile che avete a disposizione. Come evitare questa fuga di risorse? Impedendo alle applicazioni di andare online, e impostando eventuali aggiornamenti solo in presenza di WiFi.

 

  1. Salvare i dati ed i documenti in locale è un’altra soluzione geniale per risolvere il problema del consumo di traffico in fase di navigazione. Questo perché, spessissimo, alcuni OS vi consentono di salvare i vostri file in server cloud per risparmiare spazio sul dispositivo: di contro, ogni volta che li consultate è come se li scaricaste, dunque consumate dati ampiamente evitabili. Per risolvere il problema, basta semplicemente salvarli sul device e consultarli offline.

 

  1. Anche attivare la funzione di risparmio dati sul browser che usate per navigare, può rivelarsi un’ottima idea. Soprattutto quando siete soliti visitare siti web strapieni di banner pubblicitari e con video che si attivano in auto-play: ovvero tutte fonti di traffico in entrata letali per i vostri conteggi. Ad esempio, su Chrome esiste un’opzione di risparmio dati che vi farà risparmiare circa il 20% di consumo traffico, dato che comprime le pagine web che navigate evitando di visualizzare e caricare banner e pubblicità.

 

  1. Tutti noi non possiamo fare a meno di Facebook da cellulare, ma chi l’ha detto che dobbiamo utilizzare per forza l’app? Navigare questo social da browser conviene perché è possibile comprimere le foto al suo interno e dunque spendere meno in quanto a consumo di traffico Internet: cosa che invece non è possibile fare sull’app. Inoltre, un consiglio da seguire se utilizzate l’applicazione: disattivate di default il caricamento automatico dei video, che consuma tantissimo traffico. In questo modo sarete voi i padroni del vostro consumo dati, decidendo di volta in volta quale video vedere.

 

  1. L’ultimo consiglio è di installare una app come My Data Manager, il cui scopo è esattamente quello di monitorare il traffico ed il consumo dei dati, per personalizzare la lista delle app che può avere accesso a Internet e per mettere le altre in black list.