Vi siete mai chiesti il motivo per cui su Facebook è possibile trovare annunci riguardanti vostri interessi personali? La risposta, per chi segue le dinamiche che si nascondono dietro il social, è scontata: il portale di Mark Zuckerberg ci osserva ed è in grado di elaborare i nostri dati. Ben presto questo assioma sarà portato sempre più ai massimi livelli, con l’aggiornamento del sistema di ads.

Facebook ci seguirà fisicamente per capire i nostri gusti

Facebook, se ora ci monitora tramite web, ben presto inizierà a monitorarci fisicamente attraverso i metodi di geolocalizzazione presenti sui vari smartphone. La ragione di questo spionaggio bello e buono sarà ovviamente commerciale. Il social sarà in grado di captare i negozi (di abbigliamento, di hi-tech o di qualunque altra specie) che ci appassionano e che visitiamo con più frequenza.

Acquisite queste informazioni, poi, Facebook inizierà a pubblicare sulla nostra bacheca ads pubblicitarie riguardanti le tematiche degli store che visitiamo quando siamo in giro per fare shopping.

Leggi anche:  WhatsApp, ecco come trasformare le conversazioni in un libro

Come sempre per quanto concerne tematiche che riguardano la privacy, numerosi utenti su internet non hanno fatto mancare il loro disappunto per l’ennesima trovata di Mark Zuckerberg. La nuova politica commerciale è vista come l’ennesima intrusione nel privato di milioni di persone.

Facebook fa sapere che chi vorrà, disattivando la geolocalizzazione, potrà tirarsi indietro dal ricevere annunci personalizzati. Sarà davvero così?