android

Nonostante la piattaforma venga aggiornata costantemente con patch di sicurezza, i vari virus e malware non smettono di colpire il sistema operativo più utilizzato al mondo meglio conosciuto come Android. C’è però da dire che la ragione per la quale uno smartphone Android spesso si becca un virus, è da attribuire ad errori umani più che tecnici. Ecco infatti 5 modi in cui gli utenti fanno sì che i virus si impossessino del proprio smartphone:

Fonti sconosciute in giro per il web

Ovviamente questa è una delle vie principali attraverso cui è possibile prendere un virus su Android. Accade infatti anche nei computer che quando si cerca di scaricare dei file da fonti sconosciute, questi riescono ad infettare il sistema, talvolta anche in modo irreparabile. Ovviamente c’è da restare tranquilli dato che in giro ci sono molti antivirus mobili davvero molto validi, ultimamente inclusi all’interno del sistema operativo degli smartphone.

Allegati infetti tramite mail

Si potrebbe adottare lo stesso tipo di discorso per quanto riguarda le email che arrivano sui nostri dispositivi. Molto spesso infatti gli hacker che creano i virus, inviano delle mail ad utenti a caso con all’interno degli allegati che, una volta aperti, riusciranno a mettere in ginocchio l’intero sistema. In questo caso per un antivirus è leggermente più difficile riportare la situazione alla normalità.

Applicazioni che chiedono strani permessi

Di frequente a mettere in difficoltà lo smartphone infettandolo, ci pensano alcune applicazioni che richiedano permessi fino ad allora sconosciuti. Il consiglio infatti è prima di tutto quello di scaricare applicazioni dallo store di appartenenza e soprattutto non dare il consenso per alcuni permessi che risultano totalmente inutili al funzionamento dell’app.

Collegamento ad un computer infetto

Ovviamente, come ogni malattia contagiosa, un qualunque smartphone può essere infettato da un virus o da un malware nel momento in cui viene connesso ad un altro dispositivo che risulta infetto. Il consiglio quindi è quello di controllare costantemente anche i dispositivi a cui colleghiamo i nostri smartphone, in modo tale da non incorrere in problemi davvero grossi.

Connessione Bluetooth

Un altro metodo molto efficace per beccarsi un virus è tramite la connessione Bluetooth. Infatti, alcuni file inviati mediante questa modalità, potrebbero essere bypassati dal sistema di sicurezza che, non accorgendosi della minaccia, permetterebbe così di infettare inesorabilmente l’intero sistema.Il consiglio dunque è sempre quello di controllare ciò che si invia e ciò che si riceve.

Leggi anche:  Bad Rabbit, il nuovo ransomware si diffonde attraverso un installer falso di Adobe Flash Player