Come ormai sapranno tutti, la demo di Fifa 18 è stata rilasciata ieri 12 settembre con ben 3 giorni d’anticipo rispetto alla data stimata. Questo ci fa sperare che lo stesso sarà fatto con la Web App, e che quindi sia resa disponibile qualche giorno prima del 19 settembre, data stimata per il rilascio ufficiale.

Oggi non parleremo di come iniziare al meglio la stagione o di come fare tanti crediti facili e veloci, ma bensì parleremo della Demo. Come già detto è stata rilasciata ieri, ed ovviamente noi di Tecnoandroid.it l’abbiamo provata, ed oggi vi racconteremo quelle che sono le nostre prima impressioni.

Fifa 18: giocabilità rallentata a favore dei giocatori veloci

Fondamentalmente la Demo (rispetto all’ancora attuale Fifa 17) si riassume in pochissime parole: giocabilità rallentata a favore dei giocatori veloci. Giocando la prima cosa che subito si risente è la rapidità dei giocatori con una velocità medio-bassa.

Come vedete nell’immagine, la prima partita che abbiamo giocato è stata Juventus vs Manchester United. Proprio in questa partita abbiamo notato molto la giocabilità rallentata, infatti un giocatore come Pjanic (ad esempio) è molto più lento nei movimenti, o almeno ha una velocità di gioco molto simile a quella della realtà.

Infatti questo non è un difetto del gioco, anzi, è un punto a favore di Fifa 18, che anno dopo anno è sempre più vicino alla realtà. C’è però da perfezionare un aspetto non poco importante, ovvero la rapidità dei giocatori più veloci.

Infatti,il difetto sta invece nell’eccessiva supremazia in velocità di alcuni giocatori. Sempre restando nella partita in figura, abbiamo notato che giocatori molto veloci, come ad esempio Douglas Costa o Cuadrado, non hanno nessun tipo di problema nel superare difensori come Smalling, che non è proprio il difensore più lento del gioco.

A parte questo difetto del gioco (o pregio, a seconda dei punti di vista) ci sono tante altre migliorie. La prima di queste è la fisicità dei giocatori, che in questo Fifa 18 sembra essere ancor più realistica di quella proposta in Fifa 17. Sicuramente un esempio evidente di questo è Lukaku, che fa del fisico la sua arma principale.

A nostro parere è un punto a favore anche il nuovo sistema di battere il calcio d’inizio, che è effettuato da un solo giocatore. Poi sono state introdotte anche le sostituzioni rapide, che sono programmate prima della partita, e confermate poi durante il match.

Il The Journey, il quale protagonista è Alex Hunter non è esente da queste modifiche di gioco. A suo favore però abbiamo un primo episodio con una trama molto avvincente, che vi invitiamo a giocare il prima possibile.

Quanti di voi aspettano Fifa 18? Quale versione avete acquistato? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.