La versione Gold Master di iOS 11 è trapelata qualche giorno fa, rivelando tantissime informazioni. Non appena gli sviluppatori hanno scavato più a fondo, ulteriori dettagli su iOS e i nuovi iPhone sono venuti alla luce. In particolare sul prossimo processore utilizzato da Apple.

Il chipset A11, infatti, sarà il processore Apple più potente mai realizzato. Secondo lo sviluppatore @stroughtonsmith, il processore Apple A11 sarà composto da sei core. Due core sono denominati “Monsoon” e saranno responsabili per la gestione di attività che richiedono elevate potenze, come l’utilizzo di giochi e la riproduzione di video. I restanti quattro core “Mistral” verranno utilizzati per operazioni più semplici, come la scrittura di un testo o il controllo di messaggi di posta elettronica.

Processori a confronto: A11 vs A10

A confronto, il processore A10 di cui sono dotati gli iPhone dal 4 al 7 Plus, ha quattro core. L’Apple A10 Fusion dispone di due core “Hurricane” ad alta potenza e due core “Zephyr” a bassa potenza, ma un solo un cluster alla volta puo’ essere eseguito. Oltre a questo, si è anche scoperto che il chipset A11 potrebbe essere in grado di eseguire in autonomia tutti i suoi core CPU. Quindi, il software potrebbe accedere a più core di qualsiasi tipo.

Leggi anche:  Snapdragon 845, arrivano i primi benchmark sull'effettiva potenza del processore

Inoltre, tutti i core potrebbero funzionare contemporaneamente se è richiesta la massima potenza.

Riassumendo, il chipset all’interno dei prossimi modelli di iPhone sarà il processore più potente di sempre. Ciò significa che sfruttare al meglio la potenza del processore, massimizzando il rendimento della CPU, porterà ad una durata migliorata della batteria. Non ci resta che guardare alle 19 la diretta della presentazione Apple!