Il processore Snapdragon 836 dovrebbe essere svelato nella seconda metà del 2017. Tuttavia, Qualcomm non ha fatto alcun annuncio riguardo al lancio.

In casa Qualcomm c’è parecchia confusione


Recentemente , il noto leaker Evan Blass ha affermato che il lancio del nuovo chipset sta avendo delle difficoltà nell’ingegnerizzazione e verrà ritardata la sua presentazione. Con molta probabilità non avverrà prima del 2018. Inoltre, la relazione prosegue affermando che potrà ottenere una nuova denominazione e diventare un SoC diverso. Se le sue affermazioni si riveleranno corrette, allora non ci saranno più dubbi, sul fatto che i prossimi Google Pixel 2 e Pixel 2 XL saranno alimentati dal processore Snapdragon 835 anziché dallo Snapdragon 836. Inizialmente, si era detto che lo Snapdragon 836 è una versione overclockata dello Snapdragon 835. Oltre ai nuovi Google Pixel, il prossimo Mi Note 3 di Xiaomi, era anch’esso pronto ad arrivare ufficialmente sul mercato con a bordo lo Snapdragon 836.

Qualcomm Snapdragon 660

Tuttavia, le ultime indiscrezioni affermano che il Mi Note 3 sarà alimentato “solamente” da uno Snapdragon 660. Se Qualcomm dovesse, effettivamente, lanciare l’ 836, non avverrà prima di Gennaio. Adi inizio del prossimo anno, la casa Americana dovrebbe lanciare anche un’altro SoC, lo Snapdragon 845. Senza alcun dubbio, i due processori non verranno presentati contemporaneamente, sarù necessario, dunque, un intervallo tra i due. Qualche mese fa, alcune voci hanno suggerito che lo Snapdragon 836 fosse, del tutto, ritirato dalla progettazione da parte di Qualcomm. Questo ulteriore ritardo, potrebbe essere un indizio, ma potrebbe non essere così. Anche l’835 è stato lanciato più tardi del previsto. Proprio a causa di questo ritardo, alcuni top di gamma non hanno potuto beneficiare del nuovo processore. Ad esempio, LG ha dovuto implementare sul G6 lo Snapdragon 821. Samsung Galaxy S8 e S8 Plus sono stati i primi dispositivi ad adottare l’835, solo per alcuni mercati selezionati.

Leggi anche:  Qualcomm rifiuta l'offerta pubblica di Broadcom: salta l'accordo di acquisizione