Gli sviluppatori stanno scavando nella Gold Master di iOS 11 in cerca di problemi da risolvere. Uno di questi sviluppatori, Guilherme Rambo, ha trovato alcune informazioni relative al processo di configurazione di Face ID per Apple iPhone X. Questo modello sarà dotato di un display OLED, sotto il quale Apple non è riuscita a incorporare il Touch ID, lo scanner di impronte digitali. Allo stesso tempo, non ci sarà più il pulsante Home. Di conseguenza, Apple ha dovuto ricorrere al piano B. Questo richiede apparentemente l’uso di una fotocamera frontale che utilizzerà la scansione 3D per riconoscere i volti degli utenti.

Con questo sistema di riconoscimento facciale, la fotocamera sarà in grado di sbloccare l’iPhone X e verificare l’identificazione per Apple Pay. In altre parole, qualsiasi applicazione che avrebbe richiesto il Touch ID, può utilizzare invece il riconoscimento del volto. L’analista Ming-Chi Kuo, analista di mercato di Apple, ha definito questo set up “rivoluzionario” quando lo ha annunciato ai clienti di KGI Securities nel mese di Febbraio.

Leggi anche:  Tim Cook non vuole che il nipote usi i social network e avvisa gli studenti

La tecnologia RealFace ha giocato una grande parte in questa nuova funzionalità

Non sorprende che il processo di impostazione del Face ID sembri simile al processo di impostazione del Touch ID. Gli utenti saranno invitati a tenere la testa davanti alla fotocamera di iPhone X, che la cattuererà da diverse angolazioni.

L’acquisto di Apple della società di tecnologia RealFace ha probabilmente giocato una grande parte in questa nuova funzionalità. La tecnologia dell’azienda israeliana è altamente accurata quando si tratta di riconoscere i volti, da poterne verificare uno in un milionesimo di secondo. Il software produrrà internamente una mappa 3D del volto dell’utente, aggiungendo un ulteriore livello di sicurezza per il dispositivo. La tecnologia di RealFace è così sensibile che può identificare correttamente gemelli identici.
Dopo una prima configurazione, gli utenti non dovranno ripetere questo processo ogni volta che vogliono sbloccare il telefono. Noi non vediamo l’ora di provare questa nuova funzionalità, e voi?