Una nuova batteria ad acqua potrebbe essere la chiave per arrivare a produrre batterie sicure e potenti , che non rischiano di prendere fuoco, o peggio ancora esplodere. Sebbene non durino ancora quanto le batterie già presenti nei nostri smartphone, i ricercatori sperano che sia un passo importante per risolvere il flagello dei dispositivi elettronici che esplodono.

Il peggior esempio è arrivato nel 2016, quando errori nella progettazione di Samsung Galaxy Note 7 hanno causato la diffusione di molti di questi eventi, e hanno portato a un richiamo mondiale di quello che doveva essere un top di gamma. Da allora, molti proprietari di smartphone sono diventati più consapevoli delle batterie e del loro potenziale surriscaldamento.

Le nuove batterie ad acqua durano solo 70 cicli, rispetto ai 500 delle batterie attuali

Gli smartphone utilizzano batterie agli ioni di litio, che hanno degli elettroliti all’interno che aiutano a spostare gli ioni tra gli elettrodi. Il problema è che questi elettroliti sono costituiti da prodotti chimici organici, e come abbiamo visto, potrebbero esplodere in determinate condizioni. Il documento della squadra di ricerca descrive una forma di batteria agli ioni di litio che utilizza l’acqua in luogo dei composti organici. A differenza di altre soluzioni simili gia sperimentate, che non offrono la stessa potenza della batteria, questo team afferma che il suo design consente al suo elettrolito a base di acqua di generare la stessa quantità di potenza come la sua controparte chimica, ossia circa quattro volt.

La squadra ha anche progettato la batteria in modo che gli elettrodi all’interno abbiano un rivestimento che non degrada con l’uso di un elettrolita a base d’acqua. Tuttavia, c’è ancora un problema con questa batteria. Il team ammette che può essere utilizzato solo per circa 70 cicli. Le batterie utilizzate negli attuali smartphone durano molto più a lungo; il limite minimo è almeno 500 cicli. Ovviamente, questo è un grosso ostacolo che il team di ricerca avrà bisogno di superare.

Speriamo che questa ricerca arrivi presto ad una soluzione. Pensare a batterie ad acqua, più sicure, a quanto pare non è più impossibile. Il bello della tecnologia.