OnePlus 3
OnePlus 3

OnePlus procede spedita e confermando l’impegno preso il mese scorso, ha rilasciato la prima versione beta di Android 8.0 Oreo per OnePlus 3. Secondo quanto riportato in rete, si tratta di un aggiornamento di circa 800 MegaByte che possono scaricare solo un gruppo ristretto di utenti. Non basta, infatti, aver installato la più recente OxygenOS Open Beta per ricevere la notifica.

LEGGI ANCHE: OnePlus One, disponibile la prima ROM con Android 8.0 Oreo: guida all’installazione

Non si conoscono altre informazioni su questa versione che sicuramente sarà instabile perché ricca di bug e malfunzionamenti tali da sconsigliarne l’utilizzo al pubblico. Tuttavia, questo rilascio è un’ottima notizia per i possessori di OnePlus 3, ma anche di OnePlus 3T che con tutta probabilità riceverà lo stesso trattamento in queste ore. L’aggiornamento ad Android 8.0 Oreo sarà l’ultimo aggiornamento importante per questi due smartphone che potrebbero riceverlo ufficialmente alla fine dell’anno.

Secondo i più informati, all’inizio di ottobre potrebbero arrivare le prime Open Beta con la possibilità di installare Android Oreo da parte dei più smanettoni. Scontato l’arrivo dell’aggiornamento anche per OnePlus 5.

Leggi anche:  Honor 8 riceverà Android 8.0 Oreo con EMUI 8: è ufficiale ed ecco quando

ANDROID OREO, LE NOVITÀ PIÙ IMPORTANTI

Le novità che saranno introdotte con Android 8.0 Oreo sono diverse e tra queste ci sono performance migliori soprattutto in fase di accensione grazie a regole più severe in background, la suddivisione delle notifiche in canali, l’anteprima delle notifiche con un tocco prolungato sulle applicazioni, l’esordio delle icone adattive e la presenza della modalità Picture-in-Picture che permette di utilizzare due applicazioni contemporaneamente.

O ancora, la selezione intelligente del testo che riconosce cosa si sta selezionando per offrire opzioni dedicate, l’auto-compilazione automatica in-app dei campi dedicati alle info dell’utente, nuove emoji, un leggero restyling dell’interfaccia ed un’autonomia della batteria migliorata.