WhatsApp

Da Luglio vi stiamo parlando di WhatsApp e del suo cambiamento di rotta. La chat più famosa al mondo si sta aprendo in modo totale al mondo del Business grazie a nuove funzioni e – qualora le indiscrezioni venissero confermate – ad una nuova piattaforma. Dietro il cambiamento di rotta del servizio c’è come anticipato lo zampino di Facebook.

Facebook impone nuove direttive a WhatsApp

Il social network di Mark Zuckerberg ha acquistato la chat nel Febbraio 2014 per la cifra record di 19 miliardi di dollari. Come ogni investimento di tal portata, dietro l’esborso ingente di soldi c’era volontà di guadagnare, ed anche tanto.

Sino ad ora, però, WhatsApp non sta generando i profitti attesi e così Facebook si è decisa ad intervenire. Se l’idea di ripristinare il tanto odiato canone annuale ha trovato poche persone favorevoli, il team commerciale del social ha deciso di puntare tutto nuovamente sul settore dei professionisti. A confermarci tutto ciò è Matt Idema, chief operating officer, in un’intervista a Fox Business.

Leggi anche:  Dopo WhatsApp anche Facebook cambia i suoi gruppi: ecco tutte le novità in arrivo

Con l’integrazione di nuovi servizi per le aziende su WhatsApp, il compito di finanziare la chat sarà proprio delle compagnie private. In cambio, gli investitori che metteranno soldi saranno in grado di ottenere più pubblicità verso una vastissima platea di potenziali clienti.

Per gli utenti comuni quindi non cambia nulla, eccezion fatta per l’introduzione di una pubblicità che, almeno in un primo momento, non dovrebbe essere invasiva.