Moto 360 Android Wear 2.0
Android Wear 2.0 ha rappresentato una piccola rivoluzione per il settore smartwatch

Google con Android Wear 2.0 ha voluto migliorare nettamente la piattaforma del sistema operativo dedicato agli smartwatch. La novità più importante riguarda il Play Store e l’introduzione delle applicazioni standalone.

Si tratta di applicazioni dedicate ad Android Wear che non necessitano di una controparte da eseguire sullo smartphone. In sostanza l’app funzione direttamente sullo smartwatch rendendolo così indipendente da un accoppiamento bluetooth. Queste particolari app possono accedere alla rete direttamente quando possibile o funzionare offline. Inoltre è stato introdotto il supporto al multi-APK che riduce la dimensione dei file APK in modo tale da risparmiare memoria sul dispositivo.

Se fino ad oggi tutte queste feature erano da considerarsi un’esclusiva Android Wear 2.0, la situazione cambierà. Infatti Google ha introdotto il supporto alle app standalone anche su Android Wear 1.0. Sarà possibile installare le app direttamente sullo smartwatch e queste funzioneranno senza dover collegarsi alla rispettiva app sullo smartphone. Tra le varie app supportate possiamo trovare tutte quelle app specifiche per uno smartwatch come watch faces e le app eseguibili.

Leggi anche:  Google pubblica i dieci consigli per scattare foto ritratto perfette

Google ha cambiato le proprie Policy

Cambiano anche le policy che diventeranno effettive dal 18 gennaio 2018. Le applicazioni dovranno diventare indipendenti e limitare le comunicazioni con lo smartphone. Tutte le app che non rispetteranno queste richieste da parte di Google non potranno beneficiare del badge “Ottimizzato per Android Wear”. Questo influirà sul posizionamento dell’app nella classifica dei software più scaricati.