Dopo aver ricevuto delle pessime notizie riguardanti i ricavi, Snapchat, in questi giorni, sta riscuotendo successo in merito all’utilizzo del social network. Lanciato nel 2011 e creato proprio per colpire la categoria degli adolescenti, oggi possiamo dire che il sorpasso sui suoi competitor, ovvero, Facebook e Instagram, è davvero vicino.

Secondo i primi dati pubblicati dal report Emarketer, il numero di utenti compresi nelle fasce di età 12-17 e 18-24, aumenteranno sul social in maniera notevole, rappresentando il social di riferimento dei teenager.

Snapchat continua a crescere

Nel corso del tempo, facendo riferimento ai dati pubblicati, vedremo il numero di utenti Facebook di 12-17 anni scendere del 3,4% fino a 14,5 milioni di unità, ben al di sotto dei 15,8 milioni di teenager su Snapchat. L’applicazione del fantasmino ha già superato Facebook nella fascia di età tra i 13-24 anni, raggiungendo più di 26 milioni di giovani al giorno, grazie a uno dei principali strumenti di pubblicità.

Le proiezioni sull’utilizzo di Snapchat fanno ben sperare per il futuro, vista la crescita dei suoi utenti dovrebbe passare dal 25,8% ai 79,2 milioni al mese, interessando tutte le fascie di età, tranne i più anziani, incrementando del 20% la fascia di età 18-24. Favorevoli anche le proiezioni riguardanti l’utilizzo di Instagram, con una crescita mensile dal 23,8% ai 85,5 millioni, con un aumento del 19% per gli utenti under 12  e un incremento del 8,8% di quelli di età compresa tra 12 e 17 anni.

Leggi anche:  I social network nel mondo: e Facebook vince ancora

I giovani di oggi preferiscono utilizzare Snapchat, in primis, perché si può comunicare grazie all’uso dei contenuti visivi, inoltre, è una piattaforma dove ci si può recare più volte al giorno, essendo se stessi. Di conseguenza, vista la presenza su Facebook dei genitori, i teenager per non avere gli occhi puntati, migrano sul social del fantasmino.

La salvezza di Facebook si chiama Instagram, visto che è il social che si avvicina di più a Snapchat, e viene utilizzato da molti adolescenti. Non a caso, Zuckerberg ha deciso di utilizzare le storie anche sui suoi social, copiando una delle caratteristiche fondamentali usate da Snapchat, con la quale si differenziava.