Qualcomm blocca le vendita di iPhone in USA: non paga per i brevetti
Apple si è ritrovata contro un avversario che usa le sue stesse tecniche: la citazione in tribunale!

Qualcomm e Apple sono attualmente l’una contro l’altra in tribunale. La società prodruttrice di System on a Chip infatti ha citato in giudizio l’azienda della mela morsicata per il mancato pagamento di alcune royalties sui brevetti. Qualcomm, come pena per il danno economico, aveva richiesto il bando dalla commercializzazione di tutti i terminali Apple che sfruttavano i brevetti di natura software e hardware.

Tuttavia Steve Mollenkopf, CEO di Qualcomm Incorporated, sembra lasciare intravedere uno spiraglio per Apple. Il CEO sottolinea che si tratta di una situazione simile a quella vissuta dall’azienda negli anni duemila. Anche in questo caso, dove si trovano davanti due colossi del settore high tech, non sarà diverso.

Apple, e ovviamente anche Qualcomm, non ha interesse a prolungare più del dovuto la disputa legale che in ogni caso, sia vittoria che sconfitta, costa tempo e risorse economiche non indifferenti. Inoltre, va considerato che Apple ha sottoscritto un contratto di fornitura con Qualcomm e i termini vanno rispettati. Per questo motivo è facile aspettarsi la soluzione del problema con un accordo esterno ai tribunali che metterà d’accordo i de contendenti nel breve periodo.

Sembra quindi che Qualcomm sostenga fortemente la propria posizione e si trovi così in vantaggio rispetto al rivale in aula. Tuttavia dobbiamo attendere l’effettiva risposta di Apple a questa situazione. Sicuramente le due aziende arriveranno ad un accordo interno che verrà mantenuto segreto per evitare di alimentare ulteriormente una situazione già in bilico.