Vogliamo essere ben chiari sin dall’inizio: come tutti gli articoli che state leggendo in queste ore su “Il Trono di Spade”, anche questo potrebbe contenere spoiler (se ancora non siete arrivati “in parità” con la fine della sesta stagione), dunque se continuerete con la lettura potreste incappare in anticipazioni non volute. Fatta questa premessa passiamo ai fatti.

In molti sono sempre più eccitati da ciò che domenica sera andrà in onda negli Stati Uniti: la season premiere della settima stagione de “Il Trono di Spade”. Per la serie fantasy, che ha fatto appassionare milioni di persone in tutto il mondo, si aprono le porte che culmineranno nel 2019 con la fine degli avvenimenti all’interno dei Sette Regni. L’inverno è arrivato e la partita si gioca su due fronti: la lotta tra Deenerys (con i suoi draghi) ed i Lannister per il Trono e l’epica battaglia tra il mondo dei vivi ed il mondo dei morti, rappresentato dagli Estranei.

Anche questa settima stagione, insomma, si prefigura essere spettacolare, con eventi sconvolgenti e luoghi, a far da cornice, da togliere il fiato.

Leggi anche:  HTC U11 Plus: ecco come sarà il prossimo sensazionale device

A questo proposito, per rinfrescarci la memoria sugli avvenimenti passati e per celebrare allo stesso tempo la grandiosa scenografia della fiction più popolare al mondo, è scesa in campo nientepopodimeno che Google.

BigG attraverso il suo servizio Maps ed attraverso la piattaforma Street View, ha creato una pagina ad hoc del suo blog in grado di farci scoprire i paesaggi reali dove sono stati registrati gli avvenimenti de “Il Trono di Spade”. Conosceremo quindi la vera faccia di “Grande Inverno”, di “Approdo del Re” e di “Meereen”; scopriremo i campi di battaglia come i grandi castelli, la città di Dorne e la Foresta Stregata; andremo a visitare un itinerario che comprende paesi come la Croazia, la Grecia, l’Islanda e la Scozia.

Se siete appassionati della serie vi consigliamo di scoprire questa pagina dedicata da Google. Potrete trovare il link cliccando con il tag vicino alla voce “Source”.