Xiaomi-Mi-6-Lite
Il top gamma con Snapdragon 835

Xiaomi torna alla ribalta e annuncia l’apertura di 2.000 nuovi punti vendita. L’apertura di questi negozi fisici avverrà nei prossimi 36 mesi in modo graduale. A quanto pare il colosso cinese ha intenzione di espandere i propri confini ben fuori dalla Cina. I 2.000 nuovi punti vendita verranno collocati praticamente in ogni angolo del pianeta in modo tale che possano coprire le aree più densamente popolate del globo. A dare questo sensazionale annuncio è stato il Senior VP in persona di Xiaomi, Wang Xiang.

Sicuramente la scelta della società cinese di estendere i propri confini fuori dal mercato cinese, farà gioire tutti quegli utenti che conoscono già il brand e che magari hanno già acquistato dispositivi realizzati da questo produttore. Oltre a ciò, l’apertura di questi 2.000 nuovi negozi fisici, permetterà anche agli utenti meno informati di conoscere una realtà che pian piano si sta imponendo nel settore dell’elettronica di consumo e, soprattutto, per quanto riguarda il mondo mobile.

Leggi anche:  Xiaomi, nel 2018 smartphone con riconoscimento 3D

Naturalmente, oltre a questi due principali effetti, l’arrivo di Xiaomi nel resto del mondo potrà andare a parare quelle problematiche che caratterizzano da sempre i brand cinesi che sono rimangono confinati nel mercato asiatico. Uno di questi è senz’altro l’assistenza tecnica agli utenti. Sicuramente con l’avvento dei negozi fisici anche in Europa e in Italia, non bisognerà pensare più di tanto a cosa fare nel qual caso dovessero sorgere problemi con il prodotto.