Google Pixel 2 XL
Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL arriveranno tra ottobre e novembre ma senza jack audio da 3,5 mm e prezzo ritoccato verso l’alto.

Se i primi Google Pixel avevano lasciato un po’ l’amaro in bocca agli aficionados dei dispositivi pure Google per il loro prezzo simil iPhone e per le loro caratteristiche non all’altezza della concorrenza, Pixel 2 e Pixel 2 XL potrebbero invertire il trend e far tornare ai fasti di Nexus 5 la serie dei dispositivi di Big G.

Come ormai da tradizione consolidata, i nuovi Pixel verranno presentati a cavallo tra i mesi di ottobre e novembre e, si vocifera, che Google potrebbe aver cambiato un po’ i propri piani. I due devices, i cui display dovrebbero misurare rispettivamente 5 e 6 pollici circa, potrebbero presentare specifiche tecniche di assoluto rilievo con la presenza del prossimo processore di punta di Qualcomm, un SoC Snapdragon 835, ‘solo’ 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna. Il comparto fotografico potrebbe ottenere un upgrade al nuovo setup dual camera, ormai diventato uno standard sui top di gamma, anche se non si esclude una setup mono camera nuovo e portato al suo limite estremo.

Leggi anche:  Google Pixel 2, che disastro: alcuni smartphone senza sistema operativo!

Passando invece alle brutte notizie, pare che Google abbia deciso per la tanto impopolare decisione di escludere, come hanno fatto molte altre aziende, l’entrata per il jack cuffie da 3,5 mm a cui gli utenti non sembrano ancora essere pronti a rinunciare. Se da un certo punto di vista la decisione potrebbe essere anche comprensibile in quanto ormai lo standard bluetooth 4.0 per le cuffie stia diventando sempre più imprescindibile, d’altro canto significa rendere inutilizzabili le vecchie cuffie per cui, alcuni di noi, hanno magari speso molti soldi nel passato recente.

Inoltre, sempre secondo i rumors, Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL, potrebbero essere lanciati sul mercato ad un prezzo di circa 50 dollari più alto rispetto ai propri predecessori, prezzo che quindi negli Stati Uniti salirebbe ad un minimo di 699 dollari, che, come al solito, da noi si trasformerebbero in 700 euro.