Google Foto stabilizza i video alla perfezione
Google Foto è uno dei prodotti di punta della casa di Mountain View: questa volta però perde una funzione anziché guadagnarne una nuova

Con l’ultimo aggiornamento di Google Foto, la casa di Mountain View ha rimosso una delle funzioni più importanti presenti all’interno dell’app. La rimozione della funzione riguarda sia l’app per Android che quella per iOS, pertanto crediamo sia una scelta intenzionale e non una svista o un bug.

Se andiamo all’interno delle impostazioni account nell’app di Google Foto, noteremo una mancanza. E’ sparita infatti l’opzione che consentiva di effettuare il backup dei contenuti esclusivamente durante la ricarica. Se non l’avete mai sentita vi sembrerà poco importante. Per chi invece l’ha sempre utilizzata, questo da parte di Google è davvero un colpo basso.

Aggiornamento Google Foto: sparisce l’opzione backup “solo durante la ricarica”

Non si capisce quale sia la motivazione che abbia spinto gli ingegneri che lavorano in Google a rimuovere questa funzione. Specialmente da noi in Italia, dove le reti dati sono lentissime rispetto in America, questa funzione era fondamentale.

Consentiva infatti di decidere consapevolmente quando effettuare il backup di foto e video durante la giornata. Usualmente il telefono viene posto sotto carica la sera, a casa, dove il backup può essere effettuato con tutta tranquillità.

Ora sarà possibile solo decidere se effettuare il backup con i dati della rete cellulare o solo quando connessi al Wi-Fi. Purtroppo questa scelta non è esattamente smart. Effettuare il backup è un’operazione intensiva che richiede molte risorse, e farlo durante la giornata mina sicuramente la durata della batteria.

Immaginate questo scenario: uscite di mattina per un’escursione, andate al ristorante e vi collegate al Wifi. Avete scattato circa 50 fotografie, che prontamente vengono caricate sul cloud di Google anche se non avete lo smartphone sotto carica.
Di colpo, a fine pranzo, vi trovate con il 20% in meno di batteria.

Una spiacevole evenienza che d’ora in poi sarà all’ordine del giorno. Speriamo sia soltanto il preludio ad una gestione più intelligente dei backup da parte della casa di Mountain View.