Gta V
Grand Theft Auto V è l’ultima fatica Rockstar

Rockstar ha sferrato un potente colpo al mondo del modding PC per il popolare gioco Grand Theft Auto V, anche conosciuto più semplicemente come GTA V. Infatti in queste ore la software house ha chiesto e ottenuto la chiusura del modding tool OpenIV, attivo da più di dieci anni nel settore.

I fan infatti conosceranno OpenIV per il lavoro svolto oltre che su GTA V anche su GTA IV e Max Payne 3. Grazie a questa piattaforma, era possibile personalizzare a proprio piacimento il mondo di gioco aggiungendo tantissimi nuovi personaggi e veicoli oppure inserire mod grafice al fine di migliorare le prestazioni e la resa visiva.

Tuttavia, gli avvocati di Take-Two hanno deciso di agire e presentare un provvedimento di sospensione contro OpenIV. La motivazione ufficiale portata all’esame degli sviluppatori del tool è quello che tramite il loro software è possibile aggirare e superare le protezioni del titolo e di conseguenza modificare il gioco. Se le modifiche effettuate in single player non sembrano interessare la società, il vero obiettivo è quello di colpire le mod utilizzabili in multiplayer che possono di fatto rovinare l’esperienza degli altri giocatori.

La risposta da parte degli utenti non si è fatta di certo attendere. Le mod sono da sempre state parte integrante dell’esperienza di gioco su tutti i titoli di GTA. Soprattutto nell’ultimo capitolo, ogni fantasia poteva essere soddisfatta grazie alle innumerevoli mod di tutti i tipi. Proprio per questo motivo, per protestare contro la chiusura del tool OpenIV, la pagina Steam del titolo è stata letteralmente invasa da recensioni negative.