Chi è fissato con il risparmio sa benissimo di cosa parliamo. Oggi giorno quando usciamo per delle compere, per lo shopping o quando ci troviamo in un negozio dinanzi ad un item (sia esso d’abbigliamento, di casalinghi o di hi-tech) che ci piace, spesso e volentieri prima di passare all’acquisto apriamo il nostro smartphone per vedere se online è possibile trovare lo stresso prodotto ad un prezzo inferiore. E’ questa una regola non scritta che però si mette in pratica.

Ad Amazon questa usanza non deve piacere molto, visto che la multinazionale nordamericana sta per lanciare un tool che eviterà – almeno nei suoi negozi fisici – questo esercizio. Il servizio si chiama “Physical Store Online Shopping Control”: un meccanismo che impedisce agli utenti di collegarsi in rete quando sono presenti in uno spazio Amazon in due semplici mosse.

Quando si cercherà di trovare uno stesso oggetto venduto da un rivale, Amazon reindirizzerà il cliente al suo portale e in taluni casi gli offrirà alcuni buoni sconti. L’alternativa è il blocco totale della connessione quando ci si affaccia sul portale di un competitors.

Leggi anche:  Galaxy S8 crolla nel prezzo: scende sotto i 500 euro su Amazon, ecco il link

Ovviamente come giusto che sia, ad ora, questo sistema ha grandi limitazioni. Ad esempio, l’utente che vuole collegarsi al sito rivale potrà o uscire temporaneamente dal negozio e verificare o collegarsi con una rete dati privati e non WiFi.

L’idea di Amazon ad ora è molto più d’immagine che commerciale. Il brand statunitense ha probabilmente voluto mandare un messaggio chiaro per limitare questa scomoda (per i rivenditori) usanza.