Google Play Store Top Features

Una delle novità più succose della convention Google I/O svoltasi giorni fa in California, riguarda l’introduzione delle Instant Apps per i sistemi operativi Android 6, 7 ed 8. Le Instant Apps, come vi dicemmo in un articolo precedente, sono delle vere e proprie app “alleggerite”, disponibili all’utilizzo via browser, con poco consumo di spazio interno al device e di traffico dati. BigG ha pensato a questo strumento per rivoluzionare completamente il mondo dei contenuti fruibili su un dispositivo mobile.

A poche settimane di distanza dall’annuncio, le Instant Apps di Android stanno per diventare realtà. Come di consueto per tutte le grandi novità che riguardano i servizi creativi, Google ha pubblicato una sorta di decalogo (in questo caso otto consigli) per tutti gli sviluppatori che hanno intenzione di cimentarsi nel lavoro delle applicazioni istantanee.

Come spiegato direttamente da BigG, l’impegno ed il tempo che dovranno mettere a disposizione gli sviluppatori è leggermente superiore rispetto a quello delle app tradizionali. Per questo motivo, gli otto consigli della casa madre devono essere seguiti alla lettera al fine di ottenere un buon prodotto:

  1. Sviluppare un “caso di utilizzo” dell’app in questione
  2. Preparare l’applicazione alla conversione
  3. Implementare e verificare i link
  4. Impostare il proprio ambiente di sviluppo
  5. Creare una semplice applicazione istantanea
  6. Pianificarne la struttura
  7. Creare e avviare la propria Instant App
  8. Test e successiva distribuzione della stessa

Alcuni sviluppatori che già si stanno cimentando nell’impresa sono sicuri che le Instant App di Android rappresenteranno il futuro utilizzo dei nostri smartphone. Sarà davvero interessante nel prossimo domani scoprire se la realtà combacerà con le promesse.