Uno dei problemi più grandi di un possessore di smartphone è la gestione della memoria. Se non si ha un cellulare con spazio estendibile o con capacità mostre (superiori ai 128 GB), diventa spesso difficile non riempire il dispositivo con foto, video, musica e documenti. A ingolfare la memoria dei nostri device spesso e volentieri sono anche le chat di messaggistica istantanea, WhatsApp in primis. La chat, anche se a noi sembrano essere leggere come una piuma, occupano più spazio di quanto si immagini anche a causa dei contenuti che inviamo e che ci vengono inviati

Vi mostriamo a questo proposito un metodo che, con brevi passaggi, sarà in grado di farvi risparmiare spazio cancellando conversazioni su WhatsApp senza perdere allo stesso tempo il loro contenuto.

Metodo per Android

Chiunque ha un dispositivo di marca Android, se vuole liberare un po’ di memoria, deve scegliere innazitutto quella che è la chat che, ad occhio, è più “piena” (il sistema del robottino verde rispetto a iOS non consente la verifica materiale dello spazio). Una volta scelta la chat, sarà necessario fare tap sull’icona in alto a destra, cliccare su altro e poi su “Invia chat via mail”. A quel punto ci sarà chiesto con quale app inviare il contenuto (Gmail, Outlook, ecc) e se incorporare anche i file multimediali. Dopo aver inviato la comunicazione, sulla nostra mail personale ci arriverà la copia di tutta la conversazione. A quel punto, avremo il contenuto disponibile via web e sarà possibile cancellare la chat da WhatsApp.

Leggi anche:  Gira Roma, arriva l'app per spostarsi a Roma utilizzando i mezzi pubblici

Metodo per Apple

Il metodo è simile anche per iPhone. Anzi, forse è anche più elementare. Innanzitutto, come specificato, sugli iPhone è possibile capire quale chat è più ingombrante andando in “Impostazioni” e facendo tap su “Utilizzo archivio”. Inoltre facendo tap sull’icona in alto a destra della chat, attraverso il sistema iOS sarà possibile scegliere diverse vie per salvare la conversazione: effettuando un backup, inviando via mail oppure salvando tutto il contenuto con servizi cloud quali Dropbox, iCloud ed altro.