Galaxy Note 4
Nuovo aggiornamento disponibile per Galaxy Note 4 e Galaxy Note edge

Se siete in possesso di un Galaxy Note 4 o di un Galaxy Note edge allora sappiate che abbiamo buone notizie per voi. Samsung ha finalmente annunciato il rilascio ufficiale delle patch di sicurezza aggiornate al mese corrente, ovvero maggio 2017. È vero questo mese è ormai giunto al tramonto e Samsung non è stata proprio puntualissima. Ma sapete come si dice in questi casi, meglio tardi che mai.

I dettagli del nuovo aggiornamento disponibile per Galaxy Note 4 e Galaxy Note edge

Ma vediamo più nel dettaglio cosa è incluso nel nuovo aggiornamento rilasciato per i sopraccitati dispositivi appartenenti alla famiglia Galaxy Note di Samsung. L’update, che pesa esattamente 346,29 MB, non introduce soltanto le già citate patch di sicurezza di Google aggiornate al 1° maggio 2017. L’aggiornamento in questione porta anche alcune migliorie prestazionali per ambedue i dispositivi, che iniziano a sentire il peso dell’età: entrambi sono stati presentati oltre due anni e mezzo fa. Aggiornando il proprio Galaxy Note 4 o il proprio Galaxy Note edge sarà possibile disporre di un dispositivo più fluido, più veloce e molto meno “laggoso” (almeno in teoria). Sono stati corretti, infatti, i bug presenti nella precedente versione dell’OS.

Leggi anche:  Finalmente c'è la certezza: ecco quando Samsung Pay arriverà in Italia

Al momento vi segnaliamo che l’aggiornamento per il Samsung Galaxy Note 4 e per il Samsung Galaxy Note edge è già in fase di distribuzione nel mercato europeo. Per tale ragione è molto probabile che nelle prossime ore riceviate la notifica della disponibilità di questa nuova versione del software. In tal caso potrete aggiornare via OTA (Over-The-Air) il vostro dispositivo che giungerà alla build N915FYXXS1DQE2 (Galaxy Note 4) o alla build N915FYXXS1DQE1 (Galaxy Note Edge).

Se non avete ancora ricevuto la notifica della disponibilità di questo upgrade, provate a recarvi nelle Impostazioni > Info del dispositivo > Aggiornamenti > Sistema per tentare di “forzare” l’aggiornamento.