Whatsapp è ormai la chat più usata al mondo per conversare tramite internet, ma è anche la più spiata, nel senso che terze persone possono spiare ogni conversazione effettuata dal Whatsapp altrui, ma oggi esistono trucchi per scoprire se anche voi siete vittime di questo spionaggio e cercheremo di spiegarli e anche come difendersi una volta scoperto di essere spiati sia per quanto riguarda gli smartphone Android che gli Iphone.

Perchè si viene spiati su Whatsapp

Molti si chiedono che senso ha essere spiati su Whatsapp, ma la risposta non è poi tanto difficile, perché di solito chi spia le vostre conversazioni è qualcuno molto vicino a voi e vuole sapere cosa scrivete su questa chat, magari è un marito o una moglie gelosa, un fidanzato o una fidanzata, oppure qualche hacker che spera solo che su questa chat voi possiate girare qualche dato importante come il numero di un conto corrente o altri dati sensibili. Sono stati infatti creati dei sistemi molto evoluti per poter spiare le conversazioni altrui e questi prendono il nome di Trojan, che installati nel vostro cellulare possono fare in modo di far arrivare tutte le vostre conversazioni e non solo su dispositivi di terze persone.

Quali sono i Trojan più usati per spiare Whatsapp

Uno dei Trojan più usati per spiare Whatsapp è conosciuto col nome di mSpy, questo riesce in tempo reale a far arrivare al diretto interessato tutte le conversazioni, ma anche la vostra posizione tramite il GPS e anche capace di guardare la vostra web cam. Un altro Trojan molto usato è il mac spoofing, anche questo capace di leggere in tempo reale le vostre conversazioni, ma in questo caso se è attivo il sistema della spunta è facile capire di essere spiati, perchè la spunta risulterà di colore blu e quindi letta prima che voi stessi visualizzate il messaggio ricevuto. Anche attraverso l’ultimo accesso si può capire se si è spiati, infatti se il vostro ultimo accesso non corrisponde a quello vostro reale, allora vuol dire che qualcuno vi sta spiando attraverso l’uso di Whatsapp Web. Quindi è consigliabile avere sempre l’ultimo accesso visibile.

Come capire se si è spiati

Sono molti i modi per capire se siete vittime di spionaggio su Whatsapp e quindi infettati da un Trojan. Uno dei primi modi è vedere un rallentamento della vostra connessione a internet e questo perchè il vostro dispositivo se è spiato deve nello stesso tempo effettuare due volte la stessa operazione e cioè la vostra e quella che consente a chi spia di avere la conversazione, quindi è normale che si appesantisca e che la connessione risulti molto più lenta del solito. Questo accade anche se si nota una certa lentezza nello scrivere un messaggio o anche alla sola apertura di un’app, sono tutti sintomi da prendere in considerazione per capire se si è spiati. Ma i sintomi principali che lasciano captare di essere spiati sono due: il consumo molto rapido della batteria del vostro smartphone e i disturbi di linea. Nel primo caso la batteria durerà molto meno del solito, perchè essendo sul dispositivo installato un Trojan, lo smartphone lavorerà il doppio e quindi è normale che la carica della batteria diminuisca sensibilmente. Nel secondo caso se vi accorgete della presenza di eco o di rumori di sottofondo durante una conversazione, potete stare certi che qualcuno sta spiando il vostro smartphone e quindi il vostro Whatsapp.

Come installare un Trojan su Iphone

Installare un Trojan su iPhone è sempre molto complicato, perché per poterlo fare il vostro smartphone Apple deve essere sbloccato attraverso la procedura denominata jailbreak. Questa operazione non può avvenire senza che il proprietario dello smatphone ne sia a conoscenza, infatti deve essere lo stesso a richiederla, quindi se vi sarà installato un Trojan sul vostro iPhone a farlo sarà sicuramente una persona a voi molto vicina che e a conoscenza dello sblocco dello smartphone attraverso il jailbreak.

Come installare un Trojan su Android

Il sistema Android è molto più facile da attaccare, infatti è molto facile installare un Trojan su questi dispositivi. Basta entrare in possesso dello smartphone conoscere il Trojan e installarlo sarà un gioco da ragazzi per tutti coloro che hanno intenzione di spiare tutte le vostre conversazioni su Whatsapp, gli SMS, le chiamate fatte e ricevute e anche i dati cancellati. Per capire se vi è installato uno di questi virus è consigliabile controllare il traffico dati consumato, se questo risulta molto alto vuol dire che i dati, le foto, gli sms, le chiamate, le conversazioni Whatsapp vengono girati ad una terza persona e di conseguenza aumenta il traffico dati.

Leggi anche:  Whatsapp si può usare in azienda come strumento di marketing, in arrivo le liste broadcast

Come difendersi dallo spionaggio Whatsapp

Per difendersi dallo spionaggio ci sono alcuni sistemi. Installare antivirus e aggiornare il software di tanto in tanto sono metodi di prevenzione molto utili, ma non definitivi per la salvaguardia della vostra privacy su Whatsapp, quindi è consigliabile non aprire mai link di cui non si conosce l’accertata provenienza e che non siano preceduti da https://. Per chi possiede un iPhone è consigliabile non jailbreakare mai il dispositivo, perché senza questa operazione lo smartphone sarà sempre al sicuro, mentre per chi possiede uno smartphone con sistema Android è meglio non fare il rooting.

Se il vostro smartphone è stato infettato con l’uso di MAC spoofing, allora potete difendervi in questi seguenti modi: usare la tecnica di crittografia, cambiare il Mac address o sostituire lo smartphone.

L’uso della crittografia

Usando la crittografia AES a 256 bit i messaggi di Whatsapp risulteranno criptati e quindi colui che spia la vostra chat riuscirà solo a visualizzare strani caratteri, numeri e simboli, perchè non in possesso della password che consente di decriptare i messaggi. In questo modo la vostra privacy sarà al sicuro.

Cambiare Mac address

Per evitare di essere spiati su Whatsapp da chi ha installato sul vostro dispositivo il mac spoofing, potete cambiare di tanto in tanto il vostro Mac address, che è associato a Whatsapp, così da lasciare a mani vuote chi cerca di spiare le vostre conversazioni, perchè egli avrà il mac spoofing sul veccio Mac address e quindi i nuovi messaggi saranno per lo spione impossibili da visualizzare.

Whatsapp Web

Un’altra tecnica molto utilizzata è quella di Whatsapp Web, controllate sempre tramite le impostazioni di Whatsapp che nessuno sia connesso alla piattaforma tramite interfaccia Web. Se vedete un PC connesso sicuramente qualcuno vi sta spiando.

Cambiare lo Smartphone

Nel caso in cui vi sentite totalmente stressati e perseguitati da qualcuno che credete vi stia spiando, l’ultima cosa da fare è cambiare direttamente lo smartphone acquistandone uno nuovo così da essere sicuri di essere liberi dallo spione. Fatto questo però bisogna non ricadere negli errori commessi in passato e cioè, mai lasciare incustodito nemmeno per pochi secondi il vostro smartphone, perché per installare un Trojan ci vogliono davvero pochissimi secondi. Non prestare mai lo smartphone a qualcuno, perchè ricordatevi che nella maggior parte dei casi chi vi spia è proprio una persona molto ma molto vicina a voi, che per la troppa gelosia o anche solo per la grande curiosità, cercherà di spiare tutte le vostre conversazioni di Whatsapp.

In poche parole per essere sicuri di non essere spiati su Whatsapp, sulle chiamate effettuate e ricevute, gli sms inviati e ricevuti, foto, dati e web cam, l’unico sistema davvero imbattibile è quello di tenervi bene stretto il vostro smartphone anche quando andate a dormire, magari nascondendolo dove nessuno può trovarlo, ma farlo con naturalezza per non destare ulteriori sospetti.

Purtroppo al giorno d’oggi con la tecnologia che avanza non esiste praticamente più privacy, anzi, si diventa schiavi dello sviluppo stesso, quindi occhi aperti e attenti agli spioni, perchè fidarsi è bene ma in alcuni casi non fidarsi è anche meglio.

Adesso grazie a questa guida sapete come potete essere spiati su Whatsapp e non solo, come potete capirlo e anche come difendervi, speriamo di essere stati utili e chiari nella spiegazione.