opera
Novità integrate su Opera

L’azienda motore di ricerca nata a metà degli anni 1990, Opera Software, ha lanciato una nuova versione del suo browser che include i servizi di Telegram, WhatsApp e Facebook Messenger con il tentativo di recuperare il terreno perduto rispetto ai giganti Google e Microsoft.

Soprannominato Reborn (rinato) il nuovo motore di ricerca si presenta come la possibilità di utilizzare i servizi di messaggistica senza dover installare applicazioni speciali o estensioni, a differenza dei suoi concorrenti Chrome (Google), Mozilla (Firefox) e Bing (Microsoft).

 

La società sostiene che il marchio del nuovo browser risolve l’azione di “ricerca e chat simultaneamente” perché, dovendo procedere al “cambio di schede” per ciascuna delle applicazioni, tutto era diventato “inefficiente” e richiedeva più passaggi.

La barra laterale, che è stata già inclusa nella versione Neon e rilasciata all’inizio di quest’anno, ora include i servizi di messaggistica e il suo uso non nasconde il contenuto del sito web che si sta visitando. Altri miglioramenti in questo browser riguardano un’interfaccia utente molto intuitiva e altrettanto personalizzabile. Tanto che, nel giro di pochi minuti, è facile abituarvisi.

Infine, un altro importante sviluppo riguarda l’integrazione di una rete privata virtuale (VPN). Questo permette di migliorare in modo significativo la privacy in quanto ci offre un indirizzo IP virtuale, ad esempio per la connessione a internet dei Wi-Fi aziendali, e Opera lo offre come un servizio completamente gratuito. La tecnologia VPN è utile anche per bypassare le restrizioni geografiche per l’accesso a determinati contenuti, come ad esempio quelli audiovisivi.